MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Una prova del respiro può servire a fare diagnosi di tumore del colon e del retto?

Notizia

PUBBLICATO

Una prova del respiro può servire a fare diagnosi di tumore del colon e del retto?

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani, pubblicato su British Journal of Surgery (Rivista Britannica di Chirurgia), ha analizzato la validità  di una nuova prova del respiro per la identificare i pazienti con tumore del colon e del retto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La nuova prova del respiro è stata messa a punto dagli autori stessi dello studio e consiste nel far respirare il paziente in un sacchetto. I composti organici volatili rilasciati durante la respirazione e raccolti nel sacchetto vengono poi esaminati in laboratorio.

Gli autori hanno sottoposto alla prova del respiro 37 pazienti affetti da cancro del colon e del retto e 41 persone salute che, sottoposte a colonscopia, erano risultate non affette dal tumore.

Dall'analisi dei risultati è emerso che nel respiro dei pazienti con tumore erano presenti 15 composti volatili non presenti nel respiro delle persone sane. Secondo i ricercatori, questa differenza dipende dal fatto che il tessuto interessato dal cancro ha un metabolismo differente rispetto a quello sano e genera alcune sostanze che possono essere rilevate proprio nel respiro.

In una fase successiva dello studio, i ricercatori hanno analizzato con la prova del respiro altri 25 soggetti affetti da cancro del colon e del retto. L'esame ha identificato i 15 composti volatili associati al tumore in 19 persone, dimostrando di avere una precisione nella diagnosi del 76%.

Gli autori hanno concluso che, in queste casistiche, i composti organici volatili contenuti nel respiro delle persone con cancro del colon e del retto erano differenti da quelli contenuti nel respiro delle persone sane e che la prova del respiro è stata in grado di individuare questi composti e di individuare i pazienti oncologici con una precisione di oltre il 75%. Serviranno studi futuri su casistiche molto più ampie per chiarire se il test del respiro possa essere utilizzato nella diagnosi del tumore del colon e del retto.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Exhaled volatile organic compounds identify patients with colorectal cancer; British Journal of Surgery, Vol 100, Issue 1, pp 144-150, January 2013.