MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Tumori della testa e del collo: fattori indicativi degli esiti del trattamento chirurgico

Notizia

PUBBLICATO

Tumori della testa e del collo: fattori indicativi degli esiti del trattamento chirurgico

Uno studio ha valutato i fattori che permettono di prevedere gli esiti della terapia chirurgica per una forma di tumore della testa e del collo in uno stadio di sviluppo abbastanza precoce. L’individuazione di tali caratteristiche permette di impostare fin dall’inizio la cura che ha maggiori probabilità di successo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Una ricerca, pubblicata di recente, ha valutato le caratteristiche di tumori della testa e del collo, definiti a cellule squamose e localizzati nella bocca, che erano nello stadio evolutivo, definito T1N0. Tali caratteristiche sono state poste in relazione con gli effetti del trattamento chirurgico, sia sulla riduzione o eliminazione della lesione che sulla sopravvivenza. Sono stati presi in esame 121 casi, seguiti in un unico centro fra il 1988 e il 2013, che sono stati trattati solo con intervento chirurgico e che non avevano ricevuto trattamento adiuvante. I fattori che, in questa casistica, sono stati indicativi di una ridotta efficacia delle cure chirurgiche sono stati: lo spessore del tumore, il coinvolgimento da parte di quest’ultimo di strutture del sistema nervoso, la presenza di cellule tumorali sul bordo del tessuto rimosso con l’intervento chirurgico e la scarsa differenziazione delle cellule del tumore. La limitazione della diffusione del tumore e la sopravvivenza correlata alla sua presenza sono peggiorate in maniera proporzionale al numero dei fattori sopra indicati presenti in ciascun caso. Nelle persone con quattro o più di tali fattori i risultati sono stati significativamente meno buoni.

Nelle conclusioni gli autori ribadiscono l’importanza della valutazione delle caratteristiche dei tumori della testa e del collo da loro considerati, in quanto essa permette di utilizzare precocemente protocolli di terapia più efficaci nei soggetti nei quali si prevede una minore risposta all’approccio chirurgico.

Tommaso Sacco

Fonte: Factors predicting poor outcomes in T1N0 oral squamous cell carcinoma: indicators for treatment intensification; ANZ Journal of Surgery, 2016 Mar 17. 

 

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI