MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Tumore ai polmoni nei non fumatori: la causa è la mutazione di specifici geni?

Notizia

PUBBLICATO

Tumore ai polmoni nei non fumatori: la causa è la mutazione di specifici geni?

Uno studio, condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi del Translational Genomics Research Institute (Istituto di Ricerca Traslazionalesul Genoma), ha indagato le possibili cause del tumore ai polmoni nei soggetti non fumatori.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Gli autori hanno considerato soggetti non fumatori le persone che hanno fumato meno di 100 sigarette nell'arco della loro vita. Secondo le stime ufficiali, l'incidenza (nuovi casi diagnosticati ogni anno) del tumore al polmone in questi individui è pari al 10%.

Gli studiosi hanno ipotizzato che alla base del cancro ai polmoni nei non fumatori potrebbero esserci mutazioni genetiche specifiche. Per verificare la loro ipotesi hanno analizzato tre donne affette da questa neoplasia: una non fumatrice con malattia allo stadio iniziale, una non fumatrice con malattia in stadio avanzato e una fumatrice, scelta come termine di confronto, con malattia in fase iniziale. In tutte hanno effettuato il sequenziamento genomico, cioè la determinazione dell'esatta composizione del genoma (insieme dei geni di una persona, il suo corredo cromosomico), e il sequenziamento dell'intero trascrittoma, cioè la mappa dell'attività  di tutti i geni dell'organismo. Hanno poi confrontato il loro sequenziamento genomico e il loro trascittoma con quelli di persone sane.

È emerso che nella donna non fumatrice con cancro in fase iniziale, rispetto alle persone sane, le mutazioni del genoma erano minime, mentre erano presenti alcune differenze nell'espressione dei geni. Nella paziente non fumatrice con malattia in stadio avanzato erano presenti mutazioni significative in alcuni geni, che gli autori hanno definito "classici geni-soppressori del tumore". In nessuna delle due pazienti non fumatrici, invece, sono state rilevate le mutazioni genetiche osservate in precedenza (in altri studi) in molti soggetti fumatori affetti da tumore ai polmoni e presenti anche nella terza paziente coinvolta nello studio.

Gli autori hanno concluso che la mutazione di quelli che loro stessi hanno definiti geni-soppressori del tumore potrebbe essere la causa della comparsa del cancro ai polmoni nei soggetti non fumatori. Serviranno studi condotti su casistiche più ampie per confermare questa ipotesi.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: The Translational Genomics Research Institute