MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

La stipsi può essere un sintomo di allarme per il cancro del colon e del retto?

Notizia

PUBBLICATO

La stipsi può essere un sintomo di allarme per il cancro del colon e del retto?

La stipsi, comunemente chiamata stitichezza, è molto frequente nella popolazione generale, ma quanto lo è nelle persone con cancro del colon e del retto e può essere considerata una “spia” della presenza del tumore?

Quella che nel linguaggio comune si chiama stitichezza, in termini medici si definisce stipsi. Fra i criteri per identificare la stipsi, c’è una frequenza di meno di tre evacuazioni alla settimana, insieme ad un elevato sforzo ad evacuare, alla presenza di feci particolarmente dure ed altri segni e sintomi caratteristici. Per formulare una diagnosi di stipsi si deve combinare insieme un certo numero di essi e, perché la stipsi sia considerata cronica, il tutto deve durare almeno sei mesi. La gran parte dei casi di stipsi cronica si definisce funzionale, perché è provocata da un’alterata funzione dell’apparato gastrointestinale, ma in una minoranza di casi la stipsi può dipendere da danni e alterazioni a carico di strutture dell’intestino o di organi in rapporto con esso. In questo caso si definisce organica.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Al recente Congresso del Collegio Americano di Gastroenterologia, è stato presentato uno studio, eseguito su una casistica molto ampia, che ha valutato il rischio di malattie dell’intestino in persone con stipsi. Sono stati studiati 12.838 soggetti di età compresa fra 18 e 50 anni e di ambedue i sessi, che erano stati seguiti per almeno 2 anni, per una stipsi cronica, fra il 2008 e il 2013. Questo gruppo è stato confrontato con uno paragonabile per altre caratteristiche, ma non comprendente persone con stipsi. Gli stitici, rispetto a quelli senza stipsi, presentavano un rischio 6 volte maggiore di avere un cancro del colon e del retto e 5 volte maggiore di essere affetti da altri tumori dell’apparato gastrointestinale. Le coliti ischemiche, quadri di danno al colon da inadeguato afflusso di sangue, erano le uniche alterazioni per le quali negli stitici c’era un rischio ancora più elevato, rispetto ai tumori: 8 volte maggiore.

Gli autori hanno definito molto interessanti, e per certi versi sorprendenti i risultati della loro ricerca e si sono proposti di studiare meglio i fattori che possono caratterizzare la relazione fra cancro e stipsi. In attesa di nuovi dati più completi, si potrebbe considerare l’opportunità di eseguire esami di screening per il cancro del colon e del retto nelle persone con stipsi cronica.

Tommaso Sacco

Fonte: Chronic Constipation a Warning Sign for GI Disorders. Medscape. Oct 26, 2015