Rischio di cancro del colon-retto dopo polipectomia

Notizia |
Fact checked
Rischio di cancro del colon-retto dopo polipectomia

Uno studio eseguito in Gran Bretagna ha valutato la frequenza di comparsa del cancro del colon-retto dopo la rimozione di polipi per via endoscopica. I risultati hanno permesso di classificare i diversi livelli di rischio di sviluppo della neoplasia e di confrontarli con quelli di recenti Raccomandazioni.  

Potrebbe interessarti anche…

Le Linee Guida pubblicate in Gran Bretagna nel 2020, sui controlli da eseguire per ridurre la frequenza di comparsa del cancro del colon-retto dopo la rimozione di polipi dall’intestino, hanno raccomandato di eseguire una verifica a tre anni per le persone a rischio elevato definito per la presenza di: due o più polipi pre-maligni, dei quali almeno uno deve essere in stadio avanzato cioè un polipo serrato oppure un adenoma di dimensioni maggiori o uguali a 10 mm o con un elevato grado di displasia oppure cinque o più polipi pre-maligni oppure ancora uno o più polipi non peduncolati di dimensioni maggiori o uguali a 20 mm. Casi a basso rischio. che non presentavano nessuno dei quadri sopra descritti, sono stati comunque incoraggiati a partecipare a un programma di screening di popolazione sul cancro del colon-retto. Cross e colleghi hanno eseguito uno studio per valutare l’appropriatezza della classificazione del rischio sopra riportata. Si è trattato di un’analisi retrospettiva su soggetti che si sono sottoposti ad asportazione di polipi durante colonscopia fra il 2000 e il 2017 e sono stati seguiti fino al 2017 in 17 Ospedali della Gran Bretagna. È stata esaminata l’incidenza del cancro del colon-retto, ponendola in rapporto con le caratteristiche di base di ciascun caso, con il gruppo di rischio e con il numero di visite di controllo. Usando un metodo statistico denominato regressione di Cox, è stata confrontata l’incidenza del cancro del colon-retto di questa casistica con quella della popolazione generale, facendo riferimento a un parametro denominato rapporto di incidenza standardizzato. Nei 21.318 casi analizzati sono stati individuati, nel corso dei controlli, 368 cancri del colon-retto, in un periodo di osservazione di durata mediana 10.1 anni. Le caratteristiche osservate al basale che sono state individuate come fattori associati a un maggiore rischio di sviluppo della neoplasia sono state: età maggiore o uguale a 55 anni, presenza di 2 o più polipi pre-maligni, adenomi con aspetto istologico tubulovilloso, villoso o non noto o con displasia di alto grado, polipi prossimali e una visita basale che copre da 2 a 90 giorni. Facendo un confronto con la popolazione generale, l’incidenza del cancro del colon-retto in assenza di una sorveglianza attiva è stata maggiore nei casi di adenoma con displasia di alto grado (rapporto di incidenza standardizzato 1.74; intervallo di confidenza al 95% 1.21-2.42) oppure 2 o più polipi pre-maligni dei quali 1 o più era in stadio avanzato (rapporto di incidenza standardizzato 1.39; intervallo di confidenza al 95% 1.09-1.75). In assenza di una sorveglianza attiva dopo la polipectomia, i rischi di incidenza standardizzati dei soggetti a basso rischio (71%) e ad alto rischio (29%) sono stati uno la metà dell’altro, rispettivamente 0.75 (intervallo di confidenza al 95% 0.63-0.88) e 1.30 (intervallo di confidenza al 95% 1.03-1.62). Per i casi ad alto rischio dopo la prima sorveglianza il rapporto di incidenza standardizzato è stato 1.22 (intervallo di confidenza al 95% 0.91-1.60).                  

Gli autori hanno concluso, sulla base dei risultati ottenuti, che le Linee Guida pubblicate nel 2020 in Gran Bretagna, permettono di identificare accuratamente i casi che, dopo l’asportazione di polipi, hanno un alto rischio di sviluppare un cancro del colon-retto. In particolare, la raccomandazione a eseguire una colonscopia di controllo sembra appropriata per questi soggetti e può eliminare il rischio in più che essi presentano, rispetto alla popolazione generale.   

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.