MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Qual è una frequenza efficace di controlli per le forme familiari di cancro del colon e del retto?

Notizia

PUBBLICATO

Qual è una frequenza efficace di controlli per le forme familiari di cancro del colon e del retto?

Uno studio ha valutato la frequenza con la quale eseguire i controlli con endoscopia nelle persone con forme di cancro del colon e del retto che ricorrono nella stessa famiglia. Sei anni sembra essere un intervallo di tempo giusto fra una verifica e l’altra.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

I soggetti che hanno almeno un parente di primo grado che abbia sviluppato un cancro del colon e del retto prima dei 50 anni di età e quelli con due parenti di primo grado che abbiano avuto questo tumore, indipendentemente dall’età alla quale è stato individuato, hanno un rischio moderatamente aumentato di sviluppare a loro volta questo cancro e tali forme sono definite come forme familiari di cancro del colon e del retto.

In casi di questo tipo, per prevenire e individuare precocemente il cancro non bastano le soluzioni applicabili sulla popolazione generale, ma servono verifiche più attente e frequenti, anche se sull’intervallo fra un controllo e l’altro non esistono indicazioni concordi.

Vasen e colleghi hanno eseguito una ricerca confrontando l’efficacia, nel rilevare la comparsa di cancro del colon e del retto, di colonscopie eseguite ogni tre anni (266 casi) e ogni sei anni (262 casi), dopo un primo esame che abbia rilevato un numero di polipi adenomatosi compreso fra 0 e 2. Valutazioni di questo tipo hanno molti aspetti importanti, perché possono fornire soluzioni che combinano l’efficacia dell’individuazione precoce del tumore, con conseguente aumento delle probabilità di guarigione, con la riduzione del disagio delle persone che devono sottoporsi troppo spesso a un esame di questo tipo e con il contenimento dei costi.

Sulla base dei risultati ottenuti, gli autori hanno concluso che sei anni è un intervallo di tempo appropriato per questo tipo di controlli nei soggetti a rischio di forme familiari di cancro del colon e del retto.

Tommaso Sacco

Fonte: Randomized Comparison of Surveillance Intervals in Familial Colorectal Cancer; Journal of Clinical Oncology, December 10, 2015 vol. 33 no. 35 4188-4193.