Polyomavirus delle cellule di Merkel nel MCC e in altre lesioni della cute

Notizia |
Fact checked
Polyomavirus delle cellule di Merkel nel MCC e in altre lesioni della cute

Una revisione sistematica della letteratura con metanalisi ha valutato l’associazione dell’infezione da Polyomavirus delle cellule di Merkel e del carcinoma a cellule di Merkel (Merkel Cell Carcinoma: MCC) e con lesioni della cute non riferibili al carcinoma stesso. I risultati hanno confermato che l’infezione da Polyomavirus è associata in maniera statisticamente significativa al carcinoma a cellule di Merkel e hanno indicato che non è possibile escludere un ruolo del virus nello sviluppo di lesioni cutanee di altro tipo.

Potrebbe interessarti anche…

I Polyomavirus sono piccoli virus che abitualmente non sono causa di cancro per i loro ospiti, ma lo possono essere per alcune specie. L’identificazione del Polyomavirus delle cellule di Merkel con specifiche metodiche di laboratorio ha permesso un notevole progresso nella definizione della fisiopatologia del carcinoma a cellule di Merkel. La diffusione del Polyomavirus delle cellule di Merkel varia ampiamente, nelle persone affette dal carcinoma, dal 25% di una casistica australiana al 100% riportato da uno studio francese. Inoltre, il DNA del Polyomavirus delle cellule di Merkel è stato individuato anche in lesioni della pelle diverse dal carcinoma a cellule di Merkel. Per definire meglio diffusione e ruolo del virus, Wilson e colleghi hanno eseguito una revisione sistematica della letteratura con metanalisi selezionando gli articoli dedicati all’argomento. Le pubblicazioni sono state cercate in tutti i maggiori archivi della rete e sono state selezionate quelle relative a ricerche sulla presenza del virus delle cellule di Merkel nel carcinoma a cellule di Merkel, in altre lesioni della cute diverse da questa neoplasia e nella cute normale. Cinquanta studi sono stati selezionati in base al rigore dei metodi applicati da due revisori che hanno lavorato in parallelo e hanno risolto eventuali discordanze per consenso. Nella metanalisi è stato applicato il metodo statistico del rapporto di probabilità con intervallo di confidenza al 95%. I 50 studi selezionati avevano arruolato 5428 soggetti e avevano criteri di inclusione e di esclusione che supportavano la qualità dei risultati. I risultati dell’analisi hanno indicato che l’infezione da virus delle cellule di Merkel era associata in maniera statisticamente significativa con la presenza del carcinoma a cellule di Merkel in base a un rapporto di probabilità di 3.51, intervallo di confidenza al 95% 2.96-4.05. La frequenza complessiva di individuazione del Polyomavirus delle cellule di Merkel nei diversi tipi di lesioni alla cute è stata: 80% nel carcinoma a cellule di Merkel, 4% nel melanoma, 15% nel carcinoma a cellule squamose, 15% carcinoma basocellulare, 21% nella malattia di Bowen, 6% nella cheratosi attinica, 20% nel cheratoacantoma e 10% nella cheratosi seborroica. Inoltre, la prevalenza della presenza del virus nella cute normale è stata dell’11%.

Nelle conclusioni gli autori hanno evidenziato che i risultati della loro analisi della letteratura hanno confermato che l’infezione da Polyomavirus delle cellule di Merkel è significativamente associata al rischio di sviluppo del carcinoma a cellule di Merkel. I dati raccolti sulla relazione tra presenza del virus e altre lesioni della pelle non permettono di escludere un ruolo della Polyomavirus a cellule di Merkel nello sviluppo delle stesse.                 

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.