Nuove raccomandazioni sullo screening del cancro del colon-retto

Notizia |
Fact checked
Nuove raccomandazioni sullo screening del cancro del colon-retto

Un gruppo di lavoro, al quale hanno partecipato rappresentanti delle più importanti Società Scientifiche Gastroenterologiche Statunitensi, ha aggiornato le raccomandazioni sullo screening del cancro del colon-retto. In particolare, sono state fornite nuove indicazioni sulle età alle quali iniziare e finire lo screening.

Potrebbe interessarti anche…

L’Associazione Americana di Gastroenterologia, il Collegio Americano di Gastroenterologia e la Società Americana di Endoscopia Gastroenterologica hanno contribuito alla creazione di un gruppo di lavoro che ha lavorato all’aggiornamento di un precedente documento del 2017, che forniva raccomandazioni sullo screening del cancro del colon-retto. In quel documento si proponeva un approccio basato sul livello medio di rischio di sviluppare la neoplasia che aveva ciascun individuo. Nel livello di rischio 1 rientravano gli afro-americani dai 45 anni in su e i non afro-americani dai 50 anni in su. Per i soggetti con questo livello di rischio si raccomandava lo screening con colonscopia e rla icerca del sangue occulto fecale da iniziare, rispettivamente, a 45 anni e a 50 anni. Inoltre, si indicava di continuare lo screening almeno fino a 75 anni o fino a quando l’aspettativa di vita era di meno di 10 anni. Per le persone di età compresa tra 76 e 85 anni, la decisione di fare lo screening andava condivisa tra medico e assistito e dagli 85 anni in su, lo screening non andava più fatto. Il gruppo di lavoro incaricato di aggiornare le raccomandazioni ha analizzato informazioni e dati pubblicati dal 2017 al 2021 sulla frequenza di comparsa e sull’evoluzione del cancro del colon-retto nelle diverse fasce di età. Si è rilevato che, in generale, negli ultimi decenni incidenza della malattia e frequenza di decesso del cancro del colon-retto negli Stati Uniti si sono ridotte, proprio grazie alla diffusione dello screening e alla rimozione dei polipi durante la colonscopia nelle persone dai 50 anni in sù. Dati più recenti hanno però evidenziato che, in particolare nella fascia di età compresa fra 50 e 64 anni, l’incidenza del cancro del colon-retto è aumentata dell’1% all’anno dal 2011 al 2016. Allo stesso modo incidenza e mortalità, riferite alla stessa neoplasia, sono aumentate nelle persone di meno 50 anni affette da una forma definita cancro del colon-retto a comparsa precoce. Sulla base di queste e di altre evidenze, le nuove raccomandazioni suggeriscono che i medici offrano lo screening del colon-retto a tutte le persone di età compresa tra 45 e 49 anni, con un livello di rischio intermedio. A tutti coloro che non avessero iniziato lo screening prima dei 50 anni si raccomanda di proporre di iniziarlo a questa età. Per quanto riguarda l’età alla quale interrompere lo screening, si raccomanda che per le persone che lo hanno eseguito regolarmente nel tempo, con approcci di alta qualità come la colonscopia, e con risultati sempre negativi, si suggerisce di interromperlo a 75 anni o quando l’aspettativa di vita è inferiore a 10 anni. Per i soggetti che non hanno eseguito precedentemente lo screening si dovrebbe valutare se applicarlo fino a 85 anni, anche in base all’età e alle malattie associate eventualmente presenti.

Nelle conclusioni del documento aggiornato sullo screening del cancro del colon-retto si ricorda che tuttora mancano le risposte relative a molte domande su questa patologia. Si auspica, quindi, che future ricerche vadano a colmare tali lacune e permettano di aggiornare ulteriormente, in futuro, le indicazioni relative allo screening.         

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.