Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

L’importanza dell’approccio multidisciplinare nella gestione del tumore metastatico del colon-retto

Notizia|timepubblicato il
L’importanza dell’approccio multidisciplinare nella gestione del tumore metastatico del colon-retto

Carmelo Pozzo, professore di oncologia del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, ci parla dell’approccio multidisciplinare nella gestione del tumore metastatico del colon-retto. Infatti, la cura di questo tumore necessita dell’apporto di vari specialisti, tutti con una specifica esperienza e coordinati per la gestione di ciascun caso.

Potrebbe interessarti anche…

Oncologo medico, chirurgo, radiologo, radiologo interventista, anatomopatologo e radioterapista sono i principali specialisti coinvolti nella gestione di un cancro del colon-retto metastatico. Carmelo Pozzo propone anche un esempio delle decisioni, relative alla gestione della malattia, da prendere nell’ambito dell’approccio multidisciplinare, quelle su come affrontare le metastasi al fegato. In alcuni casi, infatti, prima si rimuovono le metastasi con un intervento chirurgico, e poi si somministrano farmaci e radioterapia, mentre in altri i trattamenti medici e radioterapici vengono usati per ridurre le dimensioni delle metastasi, che successivamente sono rimosse. Rivolgendosi a Centri specializzati nella cura del cancro del colon-retto, i malati troveranno dei gruppi di specialisti già organizzati per una gestione multidisciplinare e allenati alla condivisione delle informazioni e degli approcci. In chiusura dell’intervista, Carmelo Pozzo parla anche delle cure palliative. Queste sono indicate nei casi in cui le terapie di primo, secondo e terzo livello non abbiano sortito gli effetti sperati e hanno l’obiettivo di offrire al malato la migliore qualità di vita possibile. Nei Centri a più elevata specializzazione ci sono gruppi multidisciplinari di specialisti dedicati specificatamente alla pianificazione delle cure palliative.

Tommaso Sacco
Video: Marco Macrotulli