Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Impiego di farmaci psichiatrici nelle persone affette da tumori

Notizia |time pubblicato il
Impiego di farmaci psichiatrici nelle persone affette da tumori

Uno studio eseguito negli Stati Uniti ha valutato l’effetto dell’uso combinato di diversi farmaci psichiatrici da parte dei malati di cancro, in termini di costi di gestione della malattia. I risultati hanno indicato che, all’impiego di questi prodotti, corrispondono costi più elevati.

Potrebbe interessarti anche…

Negli Stati Uniti l’uso di farmaci psichiatrici, in particolare di quelli definiti psicotropi, è abbastanza diffuso fra le persone affette da neoplasie e, secondo Vyas e colleghi, questo può complicarne la gestione dei tumori, aumentando i costi che essa comporta. Per questo motivo gli autori si sono proposti di stimare i costi diretti medi dell’assistenza sanitaria di malati di cancro che assumevano più farmaci psichiatrici e di altri che non ne facevano uso. In particolare, la valutazione ha riguardato i 12 mesi successivi alla data in cui era stata comunicata la diagnosi. Si è trattato di una ricerca retrospettiva, che ha analizzato i dati di persone di età ≥ 18 anni nelle quali era stato diagnosticato uno quattro dei tumori più frequenti negli Stati Uniti, negli anni 2011-2012. Le neoplasie rilevate erano quelle della mammella, della prostata, del polmone e del colon-retto. L’uso di farmaci psichiatrici è stato definito come l’assunzione di due o più prodotti di questo tipo, per un periodo di almeno 90 giorni. I costi sanitari diretti, nell’anno successivo alla formulazione della diagnosi, sono stati stimati sulla base dei pagamenti delle prestazioni sanitarie effettuati dai sistemi di assistenza. Sono stati applicati specifici calcoli statistici, che tenessero conto delle caratteristiche del malato al basale e di alcuni aspetti della patologia. I risultati hanno indicato che i costi diretti per l’assistenza dei malati di cancro che assumevano più farmaci psichiatrici erano stati di 53.497 dollari, più elevati di quelli dei soggetti che non se ne servivano (38.255 dollari), con una differenza di circa 15.242 dollari, statisticamente significativa (p<0.0001). Applicando i diversi fattori di correzione previsti dall’analisi statistica, la differenza si è ridotta a 5.888 dollari, rimanendo comunque rilevante. Analizzando i dati relativi ai vari tipi di tumore, Vyas e colleghi hanno rilevato che i costi non erano diversi, fra consumatori e non consumatori di farmaci psichiatrici, solo per le persone con cancro del colon-retto.

Nelle conclusioni, gli autori hanno sottolineato che, nella casistica da loro considerata, l’assunzione di combinazioni di farmaci psichiatrici ha determinato un aumento di costi per l’assistenza sanitaria delle persone affette da neoplasie e hanno aggiunto che studi futuri dovranno chiarire il rapporto fra rischi e benefici relativo a tali trattamenti in questa specifica casistica.              

Tommaso Sacco

Fonte: Real-World Direct Health Care Costs Associated with Psychotropic Polypharmacy Among Adults with Common Cancer Types in the United States; Journal of Managed Care & Specialty Pharmacy, 2019 May;25(5):555-565.