Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Fattori di rischio dei tumori della testa e del collo

Notizia|timepubblicato il
Fattori di rischio dei tumori della testa e del collo

Un gruppo di studio internazionale, del quale ha fatto parte anche un ricercatore italiano, ha valutato i fattori di rischio di sviluppo del tumore testa-collo. I risultati hanno indicato che il fumo e un basso livello di istruzione sono i due fattori più strettamente associati a tale neoplasia.

Potrebbe interessarti anche…

I tumori testa-collo costituiscono un gruppo di neoplasie eterogenee sotto molti punti di vista. Questa eterogeneità si rispecchia anche nei fattori che sono stati associati al rischio della loro comparsa. Ad esempio, l’età più avanzata è considerata un fattore di rischio ma, secondo molti, lo è soprattutto perché, con il passare degli anni, si protrae l’effetto predisponente di diversi fattori legati alle abitudini di vita e all’ambiente. Infatti, un soggetto anziano che abbia fumato da sempre ha dato modo ai meccanismi di danno che innesca il fumo di prolungare il loro effetto e lo stesso vale per il rischio associato all’esposizione cronica a polveri di legno e di cuoio che, secondo alcuni autori, favorisce la formazione dei tumori della testa e del collo. Un fattore predisponente meno associato all’età avanzata è l’infezione da Papilloma Virus, perché questa si può instaurare già nei primi decenni di vita. Per contribuire a fare chiarezza sul peso dei diversi fattori di rischio di sviluppo di questa neoplasia è stato eseguito uno studio che ha utilizzato un questionario. Sono state raccolte informazioni dettagliate su: livello sociale, grado di istruzione, esposizione a fattori ambientali e legati all’attività di lavoro, familiarità per cancro e abitudini di vita. Il questionario è stato sottoposto a 103 malati di tumore testa-collo, per il 76.7% di sesso maschile, e a 244 soggetti di controllo, per il 73% di sesso maschile. I due gruppi erano ben bilanciati riguardo all’età che era, in media, di 63.8 ± 9.3 anni per quello dei malati di tumore e di 63.8 ± 9 anni, per quello di confronto. I risultati hanno indicato che abitudine al fumo e basso livello di istruzione erano fattori di rischio associati in maniera statisticamente significativa allo sviluppo del tumore testa-collo, a prescindere dal sesso. Caratteristica anamnestica correlata allo sviluppo della neoplasia era la presenza in famiglia di casi di tumore della testa e del collo o del seno.

Nelle conclusioni gli autori hanno sottolineato che i risultati del loro studio hanno confermato il ruolo predisponente del fumo e del basso grado di istruzione, già evidenziato in altre ricerche. Inoltre, hanno segnalato l’importanza dell’anamnesi familiare positiva per tumori testa-collo e del seno che può essere, a sua volta, associata alla diffusione in certi ambiti familiari e sociali dell’abitudine al fumo. Infine, hanno raccomandato la realizzazione di programmi di informazione sul rapporto fra fumo e cancro, indirizzati non solo verso i fumatori, ma anche verso i loro familiari.            

Tommaso Sacco

Fonte: Environmental and behavioural head and neck cancer risk factors; Central European Journal of Public Health, 2019 Jun;27(2):106-109.