Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Fattori di rischio dei tumori dei giovani adulti

Parere degli esperti|timepubblicato il
Fattori di rischio dei tumori dei giovani adulti

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


Tra i fattori di rischio per la salute che colpiscono i soggetti di tutte le età, il fumo, l’obesità, l’alcol e la scarsa attività fisica in particolare sono rilevanti per lo sviluppo dei tumori in età giovanile (16-39 anni).

Potrebbe interessarti anche…

La caratterizzazione quantitativa e qualitativa di tali indici è descritta nelle Statistiche Report per l’anno 2015 dell’ISTAT pubblicate il 26 luglio 2016.

Fumo

Il 19,6% della popolazione dai 14 anni in su dichiara di essere fumatore (15% donne, 24,6% uomini); dal 2001 al 2015 la percentuale di fumatori è in calo del 6,4% per gli uomini e del 2% per le donne. La quota più elevata di fumatori uomini è nella fascia di età compresa fra i 25 e i 34 anni.

Il numero totale di fumatori in Italia nel 2015 è di oltre 10 milioni.

Fortemente critiche le fasce di età giovanile: tra i 20 e i 24 anni fuma il 30,4% degli uomini e il 19,3% delle donne, tra i 25 e i 34 anni il 33% degli uomini e il 19,4% delle donne. La quota di fumatrici si riduce sensibilmente soprattutto tra le donne più giovani e in rapporto al livello di istruzione. Non esiste una diversità territoriale tra Nord e Sud riguardo all’abitudine del fumo.

Obesità

Il 45,1% della popolazione dai 18 anni in su è in eccesso di peso (35% sovrappeso, 9,8% obeso), con una tendenza crescente dal 2001 a oggi. I bambini e gli adolescenti in eccesso di peso raggiungono la quota considerevole del 24,9%, con prevalenza dei maschi (28,3% verso 21,3%).

Si conferma un forte gradiente territoriale nord-sud per l’eccesso di peso (50% nel Sud contro il 41% nel Nord) e in rapporto alle differenze di titolo di studio conseguito; è in eccesso di peso 1 ragazzo su 4.

Alcol

Il 64% della popolazione di 11 anni e più ha consumato una bevanda alcolica nel corso dell’anno, (52% vino, 46% birra, 42% liquori e aperitivi alcolici); la percentuale di consumatori giornalieri scende dal 31 al 22%, mentre i consumatori occasionali e coloro che bevono alcolici al di fuori dei pasti è in incremento.

Comportamenti di consumo di alcol eccessivo si osservano tra i giovani compresi tra i 18 e i 24 anni (23% uomini e 9,1% donne) e tra gli adolescenti 11-17 anni (22,4% uomini e 15,6% donne); a tali abitudini si associano, con l'effetto di moltiplicare le ricadute deleterie sulla salute, comportamenti di sedentarietà e di scarsa attività fisica, in parte correlati ad abitudini familiari.

Oltre ai fattori di rischio generali già descritti esistono fattori specifici di tipo genetico familiare di particolare rilevanza per i tumori dei giovani.

A tal fine si considera l’analisi effettuata sul Registro dei tumori colo-rettali di Modena attivo dal 1984 che identificava in tal senso:

  • Casi sporadici, apparentemente senza una causa individuale
  • Tumori neuroendocrini (specie carcinoidi dell’appendice)
  • Tumori ereditari (sindrome di Lynch, poliposi familiare, poliposi attenuata) identificati da specifiche mutazioni o da spiccata aggregazione familiare di tumori
  • Forme rare, legate ad altre tipologie (cancri dell’ano, Herpes virus, sarcomi di Kaposi, legati ad AIDS, altro)
  • Espressione immunocitochimica delle proteine codificate di geni della sindrome di Lynch
  • Instabilità dei microsatelliti
  • Mutazioni costituzionali dei geni MSH2, MLH1, MSWH6, MutYH e APC
  • Mutazione di altri geni oncogeni p53, PMS2. STK11, SMAD
  • Ricerca di istotipi estremamente rari (midollare, Signet-ring, altro)
  • Ricerca di eventuali micrometastasi nei linfonodi (mediante anticorpi anti-citocheratina)
  • Studio immunoistochimico dei principali fattori angiogenetici (VEGF, VEGF-R).

Dott. Antonio Maria Alberti - Oncologia Ospedale Sandro Pertini ASL RM 2, Roma; Presidente ALTEG (Associazione Tumori in Età Giovanile)

Letture consigliate

  • Domati F et al. Colorectal cancer in young adults 20 to 40 years old: a population based investigation. Intern Emerg Med
  • Fattori di rischio per la salute: fumo, obesità, alcol e sedentarietà, 2016.
  • ISTAT-ISS-ALTEG. Tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future, 2012.