MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Due ricerche sul grano duro hanno avuto come obiettivo la produzione di una pasta che riduca il rischio di sviluppo di tumore del colon e del retto

Notizia

PUBBLICATO

Due ricerche sul grano duro hanno avuto come obiettivo la produzione di una pasta che riduca il rischio di sviluppo di tumore del colon e del retto

Studi precedenti hanno dimostrato che l'assunzione di fibre alimentari e di cereali integrali aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari e il consumo di questi nutrienti si associa ad un minore rischio di cancro del colon e del retto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Di recente, l'ARC Centre of Excellence in Plant Cell Walls (Centro di Eccellenza nella Ricerca sulle Pareti delle Cellule Vegetali) australiano ha avviato due progetti che hanno l'intento di analizzare le proprietà  del grano duro, allo scopo di produrre farine che permettano di produrre una pasta spaghetti particolarmente ricca di fibre, in grado di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e di tumore del colon-retto.

Le fibre sono contenute nell'involucro del chicco di grano e l'obiettivo del centro ARC è di esaminare il ruolo fondamentale delle pareti cellulari nelle piante e scoprire come possono essere utilizzate al meglio. Nei due studi paralleli appena iniziati, gli esperti analizzeranno gli aspetti chiave delle pareti cellulari del grano duro, la materia prima utilizzata per produrre la pasta farina che si usa per la pasta.

Nel corso del primo progetto di ricerca, condotto in collaborazione con l'Università  di Bari, si indagherà  come la crescita del grano duro può incidere sui livelli di amido e di fibra alimentare in esso contenuti e se, e come, si possa livello aumentare il contenuto di fibra alimentare nella pasta. Nell'ambito del secondo progetto, quello in collaborazione con l'Università  del Molise, invece, si analizzerà  il ruolo fondamentale svolto dalle due principali componenti delle fibre alimentari, l'arabinoxiloni e la beta-glucani, nel determinare la qualità  della pasta.

Il fine comune di questi due progetti paralleli è ottenere pasta denominata "super spaghetti", in grado di garantire proprietà  benefiche per l'organismo, in particolare nel prevenire le malattie cardiache e il cancro del colon e del retto, migliorando il contenuto di alcune delle componenti nel grano duro, in particolare delle fibre.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Phys Org