Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Dimensioni e altre caratteristiche del cancro del rene

Notizia |time pubblicato il
Dimensioni e altre caratteristiche del cancro del rene

Un gruppo internazionale di specialisti, del quale hanno fatto parte anche urologi italiani, ha eseguito uno studio per valutare la relazione fra le dimensioni del cancro del rene e le altre sue caratteristiche. I risultati hanno indicato che le neoplasie renali di dimensioni comprese fra 0 e 2 cm hanno, in generale, un minore livello di malignità.

Potrebbe interessarti anche…

Le Linee Guida del National Comprehensive Cancer Network (abbreviato in NCCN e traducibile in Rete Nazionale Generale del Cancro) raccomandano una sorveglianza attiva come approccio iniziale per le lesioni neoplastiche renali di dimensioni comprese fra 0 e 2 cm e classificate come cT1a. D’altra parte, ci sono pochi dati sul confronto fra le altre caratteristiche dei tumori di queste dimensioni e di quelli, più grandi, di 2.1-4 cm. Per tale motivo, Pecoraro e colleghi hanno analizzato i dati di 46.630 persone sottoposte a nefrectomia per una neoplasia in stadio T1a/Nany/Many. Li hanno estratti dall’archivio denominato Sorveglianza, Epidemiologia e Risultati Finali, riferito agli anni 2002-2016. I dati sono stati raccolti tenendo in considerazione: il sottotipo istologico del tumore, il suo grado (alto o basso), la fascia di età e il sesso. Inoltre, è stata registrata la frequenza di metastasi sincrone. I risultati hanno indicato che i sottotipi istologici dei tumori di 0-2 cm erano: per il 69.3% a cellule chiare, per il 21.4% papillari, per il 6.9% cromofobi, per il 2% sarcomatoidi e per lo 0.2% da dotti collettori. Per le lesioni di dimensioni comprese fra 2.1 e 4 cm le rispettive percentuali sono state: 74.1%, 17.6%, 6.8%, 1.1% e 0.2%. In ambedue i gruppi riferiti alle dimensioni del cancro, l’età avanzata si è associata a una più elevata frequenza di tumori di alto grado, per le lesioni a cellule chiare e per quelle papillari. Nel gruppo con lesioni di 0-2 cm, rispetto a quello con dimensioni maggiori (2.1-4 cm). La percentuale di persone operate che aveva lesioni diffuse di alto grado è stata minore: 13.8% rispetto a 20.2%. Inoltre, si è rilevata una frequenza più bassa di metastasi sincrone che è variata, rispetto al sottotipo istologico di cancro, dallo 0% della forma cistica multiloculare, allo 0.9% di quella papillare ad alto grado. Infine, la frequenza più elevata di metastasi sincrone è stata osservata nelle forme sarcomatoidi, sia nel gruppo con dimensioni del tumore comprese fra 0 e 2 cm, sia in quello con lesioni più grandi.

Rispetto ai malati con tumori del rene di 2.1-4 cm di dimensione, quelli con lesioni più piccole hanno mostrato frequenze più basse di tumori ad alto grado, di forme istologiche più aggressive e di metastasi sincrone. Secondo gli autori, le evidenze raccolte suggerirebbero di ampliare, in futuro, i criteri in base ai quali pianificare la sorveglianza attiva, includendo soggetti più giovani e meno gravi.             

Fonte: Comparison between small renal masses 0-2 cm vs. 2.1-4 cm in size: A population-based study; Urologic Oncology 2021, Feb 15;S1078-1439(21)00004-1.