MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Cure per i tumori di testa e collo e qualità della vita

Notizia

PUBBLICATO

Cure per i tumori di testa e collo e qualità della vita

Molti casi di tumore della testa e del collo oggi si curano combinando trattamenti medici e chirurgici, ma non sempre si considera adeguatamente il problema della qualità della vita, che può essere influenzata negativamente sia dalla malattia che dalle cure. Una recente pubblicazione ha fatto il punto su questi aspetti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

I protocolli di cura dei tumori della testa e del collo integrano insieme radioterapia, chemioterapia, farmaci a bersaglio e chirurgia per arrivare all’eliminazione della lesione. Questo percorso può essere lungo e complesso e alcune delle terapie hanno un impatto su alcune funzioni dell’organismo e su aspetti psicologici e sociali della vita delle persone affette dal tumore e dei loro familiari. Ciò nonostante, non sono molte le pubblicazioni che prendono in considerazione la qualità della vita correlata alla salute (in inglese: Health-Related Quality of Life: HRQOL) in questi soggetti. Mücke e colleghi hanno studiato l’andamento della Qualità della vita in persone con cancro della testa e del collo, sottoposte in precedenza a vari protocolli di terapia, usando uno strumento di valutazione riconosciuto a livello internazionale. Nello studio sono stati inclusi tre gruppi, ciascuno composto da 32 soggetti, per un totale di 96. Tutti avevano una diagnosi confermata di tumore della testa e del collo che, nel gruppo 1 era stato curato solo con la chirurgia, nel gruppo 2 con intervento chirurgico e cure adiuvanti. Nel gruppo 3 erano state impiegati intervento chirurgico e cure adiuvanti e si era verificata osteoradionecrosi. A tutti i soggetti valutati è stato proposto un questionario per valutare la qualità della vita. L’indagine nei gruppi 1 e 2 è stata realizzata almeno 24 mesi dopo la fine delle cure, mentre per valutare i casi del gruppo 3 sono stati valutati a 12 mesi di distanza dal completamento della terapia. Nei malati dei gruppi 1 e 2 si è registrato un peggioramento della qualità della vita, particolarmente bassa dopo che i soggetti erano stati sottoposti a radioterapia. Questo trattamento è stato percepito come più pesante dell’intervento chirurgico, ma metà di chi era stato curato con radioterapia ha dichiarato di essere disponibile a sottoporsi ad altri cicli, se necessario. Secondo gli autori, la valutazione della qualità della vita, dopo i trattamenti chirurgico e radioterapico, può essere utile a: prevedere il recupero, pianificare la riabilitazione e migliorare la qualità di vita.

Tommaso Sacco

Fonte: T Mücke e coll. Quality of life after different oncologic interventions in head and neck cancer patients; Journal of Cranio-Maxillo-Facial Surgery, 2015 Aug 17.