Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Aumenta la frequenza del cancro del colon-retto nelle persone più giovani, cosa fare?

Notizia |time pubblicato il
Aumenta la frequenza del cancro del colon-retto nelle persone più giovani, cosa fare?

Nuove evidenze raccolte in diversi Paesi del Mondo concordano nell’indicare che la frequenza del tumore del colon-retto nei giovani adulti continua ad aumentare. Fra gli aspetti da considerare c’è quello di modificare l’età nella quale applicare le strategie di prevenzione di diagnosi precoce.

Potrebbe interessarti anche…

In passato erano stati pubblicati risultati di ricerche eseguite in Europa, Australia, Nuova Zelanda e Canada che indicavano un aumento significativo dell’incidenza del cancro del colon-retto in adulti di meno di 50 anni di età. Tre nuovi studi forniscono ulteriori conferme di questa tendenza, senza che essa possa essere attribuita solo ad un’individuazione più precoce della neoplasia. Una ricerca, eseguita in 9 aree degli Stati Uniti su circa 30.000 persone, di età compresa fra 40 e 49 anni e con cancro del colon-retto, ha rilevato che, fra il 1995 e il 2015, c’è stato un incremento significativo della frequenza della neoplasia in questa fascia di età, in particolare per lesioni localizzate nelle ultime parti dell’intestino, e, nel periodo considerato, la crescita è stata del 2.9% all’anno. Gli autori hanno specificatamente segnalato che tali modificazioni della frequenza non erano dovute al fatto che la diagnosi era formulata prima che in passato, ma piuttosto a un reale aumento dei casi. Un’altra ricerca è stata basata sui registri del cancro di Australia, Canada, Danimarca, Norvegia, Nuova Zelanda, Irlanda e Gran Bretagna. I suoi risultati hanno indicato un incremento della frequenza del cancro del colon di circa il 3% in Danimarca, Nuova Zelanda e Australia. Per i tumori del retto la crescita è stata del 3.4% in Canada e del 2.6% in Australia. Particolarmente interessanti gli esiti della terza ricerca pubblicata sull’argomento il 16 maggio 2019. Sono stati raccolti i dati di più di 140 milioni di cittadini di 20 Paesi europei, di età compresa fra 20 e 49 anni. Tale popolazione è stata divisa in sottogruppi in base alle seguenti fasce di età: da 20 a 29 anni, da 30 a 39 anni e da 40 a 49 anni: Si è osservato che il massimo aumento di frequenza (+8%) ha riguardato i soggetti più giovani. Il sito Medscape, che ha pubblicato la sintesi dei tre studi, ha chiesto ad alcuni coautori degli stessi quali siano le possibili cause dell’aumento dei casi di cancro del colon-retto nei giovani adulti. Alcuni hanno proposto l’obesità e l’assunzione di cibi conservati, ma la relazione fra la loro presenza nella dieta e lo sviluppo delle neoplasie necessita di ulteriori conferme. Un altro possibile fattore è il fumo, ma il nesso è debole perché in molti dei Paesi nei quali si è registrato l’aumento di frequenza c’è stato un calo parallelo dei fumatori. Un altro aspetto sul quale i dati appena citati hanno stimolato la discussione è quello dei progetti di screening. L’aumento di incidenza nelle persone più giovani giustifica un’anticipazione dell’inizio dei programmi di screening per il cancro del colon-retto? Secondo alcuni no, perché, pur essendoci stati gli incrementi sopra riportati, la frequenza della patologia in assoluto è ancora bassa. Altri esperti sostengono, invece, che gli alti costi sanitari e sociali generati dal cancro del colon-retto giustificano l’avvio dello screening nelle persone più giovani. Una proposta intermedia è quella di porre maggiore attenzione alle caratteristiche individuali che si associano a un maggiore rischio di comparsa precoce della neoplasia e limitare l’anticipazione delle verifiche previste dagli screening solo in chi presenta tali caratteristiche.

Le conclusioni che si possono trarre dalle evidenze relative alla comparsa più precoce del cancro del colon-retto sono le seguenti. I medici dovrebbero prendere in considerazione tale neoplasia come possibile causa di determinati sintomi, anche in soggetti molto più giovani di quelli nei quali ipotizzavano in passato la sua presenza. Qualsiasi giovane adulto che abbia fattori di rischio del cancro del colon-retto e che presenti sintomi che rientrino fra quelli provocati da questo tumore è bene che discuta questi aspetti con il medico di riferimento ed eventualmente concordi approfondimenti diagnostici.    

Tommaso Sacco                

Fonte: Medscape