MENU SEZIONE

Trattamenti e cure del tumore al polmone

Il cancro del polmone prevede trattamenti che cambiano a seconda di differenti fattori quali dimensioni, localizzazione, tipologia e stadio/estensione della malattia, come pure lo stato di salute generale del paziente. La situazione varia da persona a persona, dunque un trattamento efficace per un individuo, potrebbe risultare non appropriato per l'altro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Il cancro del polmone può essere trattato chirurgicamente, con la chemioterapia o la radioterapia, oppure con una combinazione di queste. In molti individui affetti da questa patologia i trattamenti oggi disponibili non determinano una guarigione completa, ma prolungano la sopravvivenza. È dalla ricerca che ci si aspettano nuovi progressi nella cura e miglioramenti nell'efficacia dei trattamenti.

La guarigione di un paziente dipende dai seguenti fattori:

  • Tipo di cancro al polmone;
  • Diffusione del cancro;
  • Età ;
  • Stato generale di salute;
  • Risposta al trattamento.

Più precocemente si individua il tumore, maggiori sono le probabilità  di sopravvivenza. Il cancro ai polmoni è una malattia mortale. Quasi il 60% delle persone con il cancro al polmone muoiono entro un anno. Tuttavia, alcune persone sono curate e sopravvivono per molti anni. Possibili complicazioni possono essere le metastasi (diffusione del cancro in altre parti del corpo) ed effetti collaterali della terapia.

Chirurgia

Implica la rimozione di una parte (p.es.: un lobo nel qual caso si parla di lobectomia), o dell'intero polmone. È una pratica molto utilizzata nel trattamento dello stadio iniziale del carcinoma NSCLC.

Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento anti-cancro avente lo scopo di arrestare la divisione delle cellule tumorali e, in certi casi, distruggerle. La chemioterapia viene solitamente somministrata tramite iniezioni endovenose o in fleboclisi. Normalmente comporta vari cicli di trattamento (4-6), a distanza di 3 o 4 settimane. I farmaci chemioterapici circolano nel sangue in tutto l'organismo, così da raggiungere ed attaccare le cellule tumorali che si sono diffuse a partire dai polmoni.

Le cellule più colpite dalla chemioterapia sono quelle che si moltiplicano rapidamente, il che significa che vengono colpite sia le cellule tumorali che quelle normali. Tuttavia, mentre le cellule normali sono capaci di rinnovarsi velocemente, quelle cancerose recuperano più lentamente e con maggiore difficoltà . Il tempo che intercorre tra un ciclo di chemioterapia e l'altro, è studiato per permettere un recupero alle cellule sane ma non a quelle cancerose, quindi i successivi trattamenti chemioterapici procedono a sopprimere progressivamente altre cellule tumorali.

La chemioterapia comporta degli effetti collaterali che differiscono in base al trattamento utilizzato e alla sensibilità  specifica del paziente. Tra essi citiamo: perdita di capelli, stomatite (infiammazioni della mucosa della bocca), pelle disidratata, sensazione di letargia (tendenza ad addormentarsi) o stanchezza. È importante, in caso di forte indisposizione, informare il medico curante o il personale che assiste nella cura, vista la possibilità  di trattamenti aggiuntivi capaci di alleviare i sintomi.

Radioterapia

La radioterapia utilizza, per distruggere le cellule tumorali, radiazioni ad alta energia indirizzate da una macchina sulla lesione. Il numero di sedute di somministrazione di radiazioni terapeutiche dipende dal tumore, può esserci ad esempio una seduta al giorno per 4 o 7 settimane.

Anche in tal caso, dato che la radioterapia può colpire anche le cellule sane intorno al tumore, possono esserci degli effetti collaterali. Nella maggior parte dei soggetti, gli effetti collaterali saranno limitati e più leggeri - tra i più frequenti troviamo stanchezza, caduta dei capelli, difficoltà  ad alimentarsi e a bere, reazioni epidermiche e ipersensibilità . Prima di iniziare il trattamento, il medico dovrebbe discutere dei probabili effetti collaterali con il paziente.

Trattamenti alternativi

Ad alcuni pazienti affetti da cancro del polmone sarà  offerta la possibilità  di ricevere delle cure nuove dopo la chemioterapia. Ci sarà  generalmente un incontro con il medico per discutere dell'efficacia del trattamento seguito, e per valutare quanto e come il paziente riesce a fronteggiare la malattia in termini di effetti collaterali e stato di salute generale.

Esistono diversi trattamenti alternativi resisi disponibili recentemente, o che sono attualmente in fase di sperimentazione per testarne l'efficacia sui pazienti affetti da questa patologia. Eccone alcuni:

Terapie a bersaglio molecolare (o terapie "target") / Terapie biologiche

Le 'Terapie target' o 'Terapie biologiche' funzionano in modo differente rispetto alla chemioterapia: diversamente da altri trattamenti anti cancro, le terapie target non danneggiano le normali cellule sane. Tra queste moderne terapie vi sono, ad esempio, inibitori della crescita oppure trattamenti anti-angiogenesi. I primi vengono messi a punto per prendere di mira proteine presenti solo nelle cellule tumorali, bloccandone il funzionamento o la replicazione. I farmaci anti-angiogenesi bloccano la formazione di nuovi vasi che servirebbero ad irrorare di sangue il tumore. Riducendo o bloccando l'afflusso di sangue, la crescita del tumore si ferma e la lesione regredisce. Attualmente, sono in corso studi clinici per scoprire come le differenti terapie mirate possono essere impiegate al meglio nel trattamento di questa patologia.

Vaccini anti-cancro

I vaccini terapeutici anti-cancro sono indicati nel trattamento del cancro per aiutare il sistema immunitario nel riconoscimento delle cellule tumorali, stimolando così una forte risposta immunitaria, in modo da prendere di mira il tumore, fermarne la crescita e impedirne la diffusione o recidiva. I vaccini terapeutici anti-cancro sono attualmente oggetto di sperimentazioni cliniche condotte su pazienti affetti da questa patologia polmonare.

Nuovi farmaci chemioterapici

Nuovi agenti chemioterapici sono attualmente in fase di sperimentazione clinica, sia da soli, che in una varietà  di combinazioni.

Vedere anche:

Altre informazioni su

 

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI