MENU SEZIONE

Sintomi del tumore al polmone

Sintomi tumore al polmone Il tumore del polmone non sempre si manifesta con chiarezza fin dagli esordi e i sintomi possono essere comuni ad altre malattie polmonari, per cui la sintomatologia d'esordio di questa forma tumorale è per lo più sottovalutata dal paziente e dallo stesso medico. Nel 60% dei casi la diagnosi di carcinoma polmonare è tardiva e fra le cause c'è quella della sostanziale sovrapponibilità dei sintomi del tumore del polmone con quelli di molte patologie che possono precederlo in molti soggetti. In pratica se la tosse e le emottisi sono già presenti in n soggetti con una grave forma di bronchite cronica, non è facile capire che alla base di un loro peggioramento c'è un tumore polmonare.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Tra i vari sintomi che il tumore del polmone può causare ne citiamo alcuni che possono essere comuni ad altre patologie, meno gravi. E' comunque importante sottoporsi a controllo medico se uno dei seguenti sintomi compare per la prima volta o se peggiora in soggetti che già lo presentavano:

  • Tosse: secca o con catarro, talvolta striato di sangue, costituisce il più comune sintomo associato al tumore polmonare (70%). Essa è presente anche nella maggior parte dei soggetti bronchitici cronici, dei fumatori o dei lavoratori esposti ad agenti irritanti le vie aeree. Tale sintomo tende, pertanto, a non essere associato alla comparsa di un tumore del polmone, mentre ne andrebbero rilevate le modificazioni di intensità e durata, e le caratteristiche (es. tosse grassa o secca).
  • Piccole perdite di sangue con i colpi di tosse (emottisi): può essere saltuaria (a volte intervallata da periodi di mesi) e, purtroppo, tende ad essere sottovalutata o attribuita ad altre patologie. L'emoftoe (espettorato di colore rosato, schiumoso e misto a muco) può associarsi ad altre malattie non tumorali come la tubercolosi, la bronchite cronica, la stenosi della valvola mitralica del cuore, le bronchiettasie (dilatazioni anomale dei bronchioli), l'infarto polmonare.
  • Dolore al torace persistente: può intensificarsi con gli atti respiratori e con il variare della posizione assunta dall'individuo. Può essere dovuto anche a pleurite neoplastica o infettiva, a interessamento metastatico osseo o delle radici nervose (sindrome di Claude Bernard- Horner).
  • Infezioni respiratorie ricorrenti come bronchiti o polmoniti: qualsiasi episodio di polmonite recidivante oppure una sua lenta guarigione deve indurre il paziente e il medico ad ulteriori approfondimenti diagnostici di tipo specialistico.
  • Febbre: è quasi sempre conseguenza di una polmonite post-ostruttiva (conseguente a infiammazione o lesione che ha ostruito una via aerea): infezione batterica secondaria alla presenza del tumore, quando questo ostruisce parzialmente o completamente un bronco causando il collasso del polmone o di una sua parte (atelettasia). La febbre può accompagnarsi a tosse produttiva, perdite di sangue dalla bocca, e dolore toracico.
  • Difficoltà respiratorie, respiro corto, fischio (dispnea): è, anche questo, un sintomo comune e spesso preesistente per la contemporanea presenza di altre malattie respiratorie. Dipende dalla ridotta capacità dei polmoni a svolgere la normale attività di scambio respiratorio ed è percepita dal paziente come difficoltà del respiro, senso di oppressione, fame d'aria più o meno intensa, sensazione di soffocamento: il respiro è difficile e forzato, affannoso, accelerato o rallentato, spesso irregolare nel ritmo.
  • Raucedine: alterazione della voce che diventa stridula e acuta.
  • Alterazione del tono della voce (disfonia): voce rauca o bitonale
  • Difficoltà a deglutire (disfagia): è in genere un segno di malattia avanzata in quanto consegue alla crescita di una massa tumorale che preme sull'esofago che per un tratto è adiacente alle vie aeree principali. All'inizio si manifesta in modo intermittente, con una deglutizione dolorosa dei cibi solidi; successivamente diventa persistente e può manifestarsi anche bevendo dei liquidi.
  • Gonfiore del viso o del collo
  • Dolore e debolezza delle spalle, braccia, mani

Quando il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo con metastasi, i sintomi possono non presentare un legame diretto con i polmoni. Difatti, a seconda degli organi e dei tessuti dove le metastasi si sono propagate, i sintomi possono includere: dolore osseo associato o meno a frattura, mal di testa, emorragie, debolezza, e formazione di coaguli di sangue (trombi). La perdita ingiustificata dell'appetito associata al calo ponderale sono segni generali (sistemici), non direttamente correlati allo sviluppo della neoplasia ma in qualche modo secondari ad essa.

Vedere anche:

Altre informazioni su