Ribollita

Ribollita

Scritto da:
Fondazione Serono

Ingredienti (per 4 persone)

  • 200 g di pane toscano (non salato) oppure 8 fette tagliate sottilmente,
  • fagioli cannellini freschi 600 g, se invece sono secchi 300 g,
  • 100 g bietola fresca,
  • 1/2 cavolo nero,
  • 1/2 cavolo verza,
  • 1 carota,
  • 2 patate medie,
  • 1 gambo di sedano, meglio se bianco,
  • 100 g di pomodori pelati,
  • 1 mazzetto di timo e rosmarino,
  • 1 cipolla,
  • 1 porro,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Lessate i fagioli cannellini (opzionalmente potete aggiungere nella pentola un osso di prosciutto crudo o delle cotenne di maiale per renderli più saporiti); riducete in crema con un frullatore o con passaverdure i 2/3 dei fagioli e metteteli da parte, conservate inoltre la loro acqua di cottura che vi servirà per cucinare la ribollita.

Potrebbe interessarti anche…

Preparate intanto le verdure tagliandole a pezzi di media grandezza. Dopodiché fate soffriggere per pochi minuti in una pentola con l’olio la cipolla, il porro, la carota ed il sedano tritati grossolanamente. Aggiungete quindi i pomodori. Dopo alcuni minuti di cottura a fuoco medio aggiungete tutte le altre verdure a pezzetti; quindi aggiungete il mazzetto di timo e rosmarino legato con dello spago da cucina.

Aggiustate di sale e lasciate cuocere le verdure, aggiungendo ogni qual volta serva il brodo di cottura dei fagioli. Quando la verdura sarà tenera, togliete il mazzetto di timo e rosmarino e passate 1/3 della verdura al passaverdure. Rimettete poi le verdure passate nella pentola, aggiungendo anche la crema di fagioli ed i fagioli interi. Fate cuocere ancora per 5 minuti in modo da amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Per potere assaporare la ribollita è bene prepararla il giorno prima per poi gustarla il giorno dopo. La zuppa va servita su un fondo di almeno 2 fette di pane precedentemente abbrustolito e strofinato con l’aglio.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.