Perdita di appetito e precoce senso di sazietà

Perdita di appetito e precoce senso di sazietà

Scritto da:
Fondazione Serono

Che cosa sono

Si parla di perdita dell’appetito o di precoce senso di sazietà quando diminuisce la voglia di mangiare o non ci si sente in grado di farlo, oppure quando si raggiunge presto la sensazione di “aver mangiato abbastanza”. Questi sintomi possono essere transitori o durevoli e a seconda della durata, possono comportare perdita di peso, calo delle difese immunitarie e ridotta tolleranza ai trattamenti.

Potrebbe interessarti anche…

A cosa sono dovuti

La perdita dell’appetito e il precoce senso di sazietà possono essere causati sia dalla patologia tumorale stessa, che dai trattamenti messi in atto per curarla. Inoltre possono intervenire fattori psicologici come l’ansia, lo stress e la depressione.

Come aiutarsi a tavola

  • Preferire alimenti molto calorici come carne, uova, formaggi e dolci.
  • Non è necessario mangiare ad orari stabiliti, mangiare quando si ha fame risulta essere una valida alternativa, con pasti piccoli ma frequenti durante la giornata (fino a 6-8).
  • Può essere utile tenere a portata di mano uno spuntino come cracker, noci, noccioline, barrette.
  • Bere alcool in piccole quantità prima dei pasti può stimolare l’appetito.
  • Farmaci per stimolare l’appetito si possono utilizzare solo in casi selezionati e sempre sotto il controllo del medico.
  • Cercare di bere il più possibile scegliendo bevande che contengano sostanze nutritive, es. succhi di frutta,latte,minestre.
  • Non bere troppo durante i pasti perché aumenta il senso di sazietà.

Consigli utili

  • Fai 5 o 6 spuntini al giorno anziché tre pasti principali, sarà più facile mangiare e non ti sentirai troppo sazio/a.
  • Cerca di rendere il momento del pasto il più rilassato possibile, circondati di persone con cui stai bene e che ti aiutano a preparare piatti dall’aspetto invitante.
  • Fai dell’esercizio fisico prima di mangiare vedrai che l’appetito ne gioverà.
  • Aggiungi calorie e proteine alla tua alimentazione con zucchero, miele, brioche, cereali, pane, etc.
  • Informa il medico:
    • se in una settimana hai perso più di 3 kg.
    • se compare dolore durante l’assunzione di cibo.
    • se compaiono i segni di disidratazione: lingua asciutta,crampi,
    • della quantità di urina, stanchezza, sonnolenza.

Ricordati

  • Non rispettare gli orari dei pasti ma fai 5/6 spuntini al giorno.
  • Tieni a portata di mano degli snaks per i momenti di fame improvvisa.
  • Bevi molto ma lontano dai pasti e cerca di preferire bevande caloriche come succhi di frutta, latte e minestre.
  • Circondati di persone con cui ti piace stare durante il pasto e cerca di viverlo come un momento di relax.

Vedere anche

Parte Prima: Consigli per l’Alimentazione

Parte Seconda: Problematiche alimentari durante i trattamenti per la cura del tumore

Terza Parte: Le ricette

A cura dell’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Istituto Ospedaliero Fondazione Poliambulanza Brescia

La Fondazione Cesare Serono ringrazia sentitamente l’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Istituito Ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia per l’opportunità che ci ha dato di pubblicare sul nostro sito il volume “A tavola con cura”. La Fondazione da sempre è vicina ai malati di cancro e diffondere informazioni importanti in merito alla corretta alimentazione da seguire sia per prevenire i tumori che per affrontare gli effetti collaterali di eventuali trattamenti non può che essere per noi motivo di grande soddisfazione. 

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.