Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Prevenire l’ipertensione

Prevenire l’ipertensione

Per cominciare chiariamo i termini: la pressione che qui interessa è quella del sangue che scorre all’interno delle arterie, a sua volta determinata da molti fattori. L’unità di misura adottata sono i millimetri di mercurio (sigla mmHg). Le pressioni che si misurano sono due: sistolica o massima, che corrisponde al momento in cui il cuore si contrae e pompa il sangue nei vasi, e diastolica o minima, che corrisponde al momento in cui il cuore si dilata per riempirsi. Di conseguenza, la pressione arteriosa si definisce con due valori: diastolica e sistolica scritti nella forma 140/90 mmHg, che si legge “140 su 90”.

Potrebbe interessarti anche…

Attualmente l’ipertensione è una malattia diffusissima, spesso chi soffre di ipertensione non sospetta nemmeno di avere questo disturbo. Vengono considerati normali valori pressori quelli che variano tra 70 e 85 per la pressione diastolica o minima, e 120 e 135 per la pressione sistolica o massima. Quando siamo sopra questi valori si parla di ipertensione.

Possono contribuire in modo importante, oltre naturalmente la predisposizione personale, i seguenti fattori:

  • i ritmi frenetici, lo stress sia fisico che mentale protratti nel tempo;
  • il fumo che restringe i vasi sanguigni provocando un aumento della pressione arteriosa;
  • il sodio, la cui fonte principale è certamente rappresentata dal sale.

Sicuramente molto può fare una dieta adeguata quando si parla di ipertensione: usare meno sale e mantenere un giusto peso corporeo possono contribuire ad un miglioramento dei valori pressori.

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti