Terapie antitumorali a bersaglio molecolare

Terapie antitumorali a bersaglio molecolare

Di seguito sono elencati i principali farmaci a bersaglio molecolare attualmente utilizzati in clinica. Ai nomi delle molecole seguono il tipo, o i tipi, di tumori nei quali sono indicati facendo riferimento al sito www.cancer.gov. Nei nomi di alcuni farmaci compare il suffisso – mAb. Esso identifica un anticorpo monoclonale, in inglese Monoclonal AntiBody (mab).

Potrebbe interessarti anche…

Alcune terapie a bersaglio molecolare bloccano specifici enzimi, altre si legano a recettori di mediatori, definiti fattori di crescita, coinvolti nella proliferazione delle cellule tumorali. Questi farmaci sono anche chiamati inibitori della trasduzione del segnale in quanto impediscono che certi messaggi raggiungano la cellula e si traducano in un effetto.

  • Imatinib mesilato: tumori stromali gastrointestinali (un raro tumore del tratto gastrointestinale) e alcuni tipi di leucemia
  • Dasatinib: leucemia mieloide cronica e leucemia linfoblastica acuta
  • Nilotinib: leucemia mieloide cronica
  • Trastuzumab: tumore della mammella
  • Gefitinib: tumore del polmone non a piccole cellule
  • Erlotinib: tumore del polmone non a piccole cellule e tumore del pancreas
  • Cetuximab: tumore del colon retto e carcinoma a cellule squamose della testa e del collo.
  • Lapatinib: tumore della mammella
  • Panitumumab: tumore del colon retto
  • Temsirolimus: tumore del rene

Alcune terapie a bersaglio molecolare inducono apoptosi delle cellule cancerose, vale a dire la morte cellulare.

  • Bortezomib: mieloma multiplo, linfoma a cellule mantellari

Altre terapie a bersaglio molecolare bloccano la crescita dei vasi sanguigni che nutrono il tumore (angiogenesi). Per crescere oltre certe dimensioni i tumori necessitano di apporto di sangue ricco di ossigeno e nutrienti utili all’accrescimento. Trattamenti che interferiscono con l’angiogenesi possono bloccare la crescita tumorale.

  • Bevacizumab: glioblastoma, tumore del polmone non a piccole cellule, tumore della mammella, tumore del colon retto
  • Sorafenib: tumore del rene, tumore del fegato
  • Sunitinib: tumore del rene e tumori stromali gastrointestinali

Alcune terapie a bersaglio molecolare agiscono aiutando il sistema immunitario a distruggere le cellule tumorali.

  • Rituximab: linfoma non-Hodgkin a cellule B
  • Alemtuzumab: leucemia linfatica cronica a cellule B

Un’altra classe di terapie a bersaglio molecolare include anticorpi monoclonali che rilasciano selettivamente molecole tossiche per le cellule cancerose.

  • Gemtuzumab ozogamicina: leucemia mieloide acuta
  • Tositumomab and 131I-tositumomab: linfoma non-Hodgkin a cellule B
  • Ibritumomab tiuxetan: linfoma non-Hodgkin a cellule B

Vedere anche nella sezione: Il Cancro

Tommaso Sacco

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.