Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Esenzioni per i malati di tumore

Esenzioni per i malati di tumore

Esattamente come per le malattie rare e quelle croniche, il Servizio Sanitario Nazionale offre l’esenzione dal ticket anche per i malati di tumore.

Potrebbe interessarti anche…

In particolare, chi ha un cancro può usufruire dell’esenzione totale per il pagamento dei farmaci, le visite e gli esami che servono per la cura della patologia e delle eventuali complicazioni, la riabilitazione e per la prevenzione di ulteriori aggravamenti.

Per richiedere l’esenzione basta presentare domanda presso la propria Azienda Sanitaria Locale (ASL), allegando i seguenti documenti:

  • tessera sanitaria;
  • codice fiscale;
  • documentazione medica, specialistica o ospedaliera attestante la malattia o il verbale rilasciato dall’ASL/INPS da cui risulti il riconoscimento di un’invalidità civile del 100%.

Esenzioni per gli accertamenti per la diagnosi precoce di alcuni tumori

Molte regioni già offrono programmi di screening per la diagnosi precoce dei tumori del seno, del collo dell’utero e del tumore del colon e del retto, ma le seguenti prestazioni possono comunque essere eseguite in esenzione del ticket:

  • la mammografia, da richiedere ogni due anni, a favore delle donne in età compresa tra 45 e 69 anni; nel caso si necessiti una prestazione di secondo livello, anche quelle sarà gratuito;
  • l’esame citologico cervico-vaginale (PAP Test), da richiedere ogni tre anni, a favore delle donne in età compresa tra 25 e 65 anni;
  • la colonscopia, da richiedere ogni cinque anni, a favore della popolazione di età superiore a 45 anni.

Il medico dovrà inserire il relativo codice di esenzione nella prescrizione ed è importante rispettare la tempistica per ciascuna prestazione, anche se eseguita privatamente.

In questo caso, non ci sono restrizioni per reddito o per occupazione. L’esenzione è per tutti.

Altre Esenzioni Ticket

Le altre esenzioni dal pagamento del ticket sanitario sono per i seguenti casi:

Simon Basten

Fonti: Ministero della Salute, AIMAC