MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

La terapia chirurgica, se praticabile migliora l’andamento della malattia di Cushing: risultati di un recente studio

Notizia

PUBBLICATO

La terapia chirurgica, se praticabile migliora l’andamento della malattia di Cushing: risultati di un recente studio

Un recente studio ha valutato i risultati di diverse cure chirurgiche per la malattia di Cushing, confermandone l’efficacia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La malattia di Cushing è caratterizzata dall’eccessiva concentrazione di ACTH nel sangue, oppure dall’aumentata concentrazione di cortisolo prodotto dalle ghiandole surrenali. In questo secondo caso è chiamata di solito Sindrome di Cushing. Nella maggior parte dei casi la malattia di Cushing è dovuta alla presenza di un adenoma, cioè un tumore benigno che si sviluppa nell’ipofisi. Per questo, la soluzione migliore può essere l’intervento chirurgico, se eseguibile. A seconda del tipo di adenoma e delle caratteristiche del soggetto, esso può portare ad una diminuzione o alla scomparsa dei sintomi della malattia di Cushing, nel 65-95% dei casi. Quando le persone operate non ottengono tale risultato, si parla di malattia di Cushing persistente o recidivante.

Un recente studio, condotto in Giappone, ha valutato i risultati clinici, ottenuti con diverse tecniche di intervento chirurgico, relativi a 252 soggetti che erano stati operati per malattia di Cushing. La maggior parte di essi (230) presentava, in base alla risonanza magnetica, un sospetto adenoma mentre, in alcuni casi, questo esame non aveva rilevato alcuna alterazione.

I ricercatori hanno riscontrato che le percentuali più elevate di successo e la minore percentuale di recidive sono state ottenute con tecniche di intervento che permettono una rimozione più estesa dei tessuti, magari coinvolgendo anche aree vicine all’adenoma. Gli stessi specialisti hanno inoltre ipotizzato che, nei soggetti con malattia di Cushing che persiste, o si ripresenta dopo la cura chirurgica, la combinazione della cura chirurgica con altre, come la radioterapia o il trattamento farmacologico, può migliorare ulteriormente i risultati.

Questa ricerca mette dunque a disposizione di tutti gli specialisti che si occupano di malattia di Cushing indicazioni riguardo alla cura chirurgica e al modo di combinare ad essa altri trattamenti per fornire ai malati le migliori soluzioni.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Therapeutic outcomes in patients undergoing surgery after diagnosis of Cushing’s disease: A single-center study; Endocrine Journal 2015; 62(12):1115-25.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI