MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Sportivi: esiste una malattia simile alla SLA, ma provocata dai traumi subiti dal cervello?

Notizia

PUBBLICATO

Sportivi: esiste una malattia simile alla SLA, ma provocata dai traumi subiti dal cervello?

La malattia che colpisce molti sportivi e che fino a ora si pensava fosse la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), in realtà  potrebbe essere un'altra patologia. È la conclusione alla quale è giunto uno studio condotto da un gruppo di ricercatori di due università  del Massachusetts (Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Neuropathology & Experimental Neurology.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La SLA è una malattia neurodegenerativa che colpisce in modo progressivo i motoneuroni, le cellule del sistema nervoso che inviano ai muscoli gli stimoli a contrarsi.

I ricercatori statunitensi hanno esaminato mediante autopsia il corpo di tre atleti (un pugile e due giocatori di football) morti con diagnosi di SLA. Hanno così scoperto che nel loro midollo spinale erano presenti quantità  significative di due proteine che generalmente non sono presenti nel midollo dei malati di SLA. Queste proteine sono in grado di compromettere la funzionalità  dei nervi dell'organismo e, secondo i ricercatori, hanno raggiunto la colonna vertebrale delle tre vittime in seguito a subiti traumi che hanno colpito il cervello. Gli studiosi hanno ipotizzato che i tre atleti potrebbero non essere morti per SLA, ma per una patologia simile, che si manifesta in modo simile alla SLA, ma è provocata dai danni che ripetuti traumi cerebrali, subiti durante la carriera sportiva, hanno provocato al sistema nervoso dai. Per ora si tratta solo di un'ipotesi: serviranno molti altri studi per confermare questa tesi.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: TDP-43 Proteinopathy and Motor Neuron Disease in Chronic Traumatic Encephalopathy ; Journal of Neuropathology & Experimental Neurology, Vol 69, No 9, September 2010, pp. 918-929.