Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Proposta la classificazione della Sindrome di LEOPARD come Sindrome di Noonan con lentiggini multiple

Notizia |time pubblicato il
Proposta la classificazione della Sindrome di LEOPARD come Sindrome di Noonan con lentiggini multiple

Autori belgi, nel riportare un caso clinico, fanno riferimento alla classificazione della Sindrome di LEOPARD come Sindrome di Noonan con lentiggini multiple.

Potrebbe interessarti anche…

La Sindrome di LEOPARD è denominata anche Sindrome di Gorlin, Sindrome di Moynaha, Sindrome cardio-cutanea e Sindrome da lentigginosi profusa. Più di recente, precisano Colmant e colleghi, è stata ridenominata come Sindrome di Noonan con lentiggini multiple. L’acronimo LEOPARD, con il quale la Sindrome è stata definita finora, si riferisce alle diverse manifestazioni con le quali si presenta: lentiggini (L), problemi all’elettrocardiogramma (E), alterazioni degli occhi (O), danni ai polmoni (P), anomalie ai genitali (A), ritardi nella crescita (R), sordità [(in inglese deafness (D)] di origine nervosa. Di questa malattia rara è stata individuata la causa genetica in una mutazione che altera la trasmissione all’interno delle cellule dei segnali che riguardano la proteina RAS. Questa mutazione induce, a sua volta, modificazioni dei recettori di ormoni, citochine e fattori che promuovono la crescita cellulare. Mentre la Sindrome di Noonan con lentiggini multiple comporta appunto l’estesa presenza di queste ultime, Colmant e colleghi ricordano che è raro il riscontro di melanomi, cioè di tumori della pelle ad andamento potenzialmente molto grave. Nell’articolo si riporta il caso di un soggetto maschio di 62 anni, nel quale era stata confermata la mutazione genetica caratteristica di questa malattia, e che, alla visita iniziale, ha presentato 4 lesioni da melanoma e 3 lentiggini che avevano un aspetto atipico. Aggiungono che 3 dei melanomi avevano colorazione non troppo intensa, 3 dei 4 non avevano dato luogo a diffusione e il quarto aveva un indice di diffusione basso (stadio 1). La storia precedente del caso, descritta da Colmant e colleghi, era caratterizzata da alterazioni tipiche della Sindrome di Noonan: dal criptorchidismo ad anomalie dell’elettrocardiogramma.

Nelle conclusioni, gli autori ricordano che il loro è il terzo caso, riportato nella letteratura scientifica, di Sindrome di Noonan con lentiggini multiple, che ha presentato melanomi e suggeriscono che, fra gli effetti della mutazione all’origine della malattia, ci sia una ridotta difesa nei confronti di alcuni tumori, fra i quali quelli della pelle e quelli del fegato. Nella gestione pratica delle persone con Sindrome di Noonan con lentiggini multiple, Colmant e colleghi raccomandano attente e frequenti verifiche della pelle.

Tommaso Sacco

Fonte: Patient with confirmed LEOPARD Syndrome developing multiple melanoma. Dermatol Pract Concept. 2018 Jan 31;8(1):59-62.