MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

L’Agenzia Europea dei Farmaci esprime parere positivo per un farmaco per la cura dell’idrosadenite suppurativa

Notizia

PUBBLICATO

L’Agenzia Europea dei Farmaci esprime parere positivo per un farmaco per la cura dell’idrosadenite suppurativa

L’Agenzia Europea dei Farmaci (in inglese European Medicines Agency: EMA) ha espresso parere positivo per l’utilizzo in clinica del farmaco adalimumab nella cura dell’idrosadenite suppurativa negli adulti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

L’idrosadenite suppurativa è una malattia rara, ad andamento cronico, che ogni anno compare in circa nell’1% della popolazione ed è 5 volte più comune nelle donne, rispetto agli uomini.

A causa delle lesioni che provoca nella pelle e dei sintomi che la caratterizzano, le persone con idrosadenite suppurativa possono avere problemi nella vita affettiva e sociale, una ridotta qualità della vita e riflessi negativi a livello psicologico.

Fino ad ora non esistevano farmaci espressamente indicati nella cura di questa patologia e i malati erano spesso curati con medicine usate abitualmente in altre condizioni, che i medici avevano difficoltà a prescrivere.

Ora l’Agenzia Europea dei Farmaci ha formulato il suo parere positivo per l’uso nella pratica clinica del farmaco adalimumab per la cura di questa malattia. L’adalimumab è un anticorpo monoclonale già impiegato in altre gravi malattie infiammatorie delle articolazioni, della pelle e dell’intestino. Il parere positivo si basa sui risultati di due studi clinici che hanno dimostrato che il farmaco è in grado di ridurre i segni e i sintomi più frequenti della malattia, in particolare diminuendo il numero di noduli lesioni della pelle, anche di quelle più gravi. Inoltre, una significativa percentuale di malati trattati con adalimumab ha mostrato una diminuzione del dolore.

Il parere positivo dell’EMA è una buona notizia per tutte le persone con idrosadenite suppurativa, che potranno così avere a disposizione una cura che possa aiutarli a tenere sotto controllo questa malattia.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: EMA