Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Disturbi del sonno nei bambini con Sindrome di Ehlers-Danlos

Notizia |time pubblicato il
Disturbi del sonno nei bambini con Sindrome di Ehlers-Danlos

Un gruppo di esperti israeliani ha studiato le caratteristiche delle alterazioni del sonno in una casistica pediatrica affetta da Sindrome di Ehlers-Danlos. Hanno rilevato un’elevata frequenza di tali alterazioni in forme diverse, dall’insonnia all’ipersonnia, e che il loro trattamento determina importanti benefici. Dal punto di vista dei malati, queste evidenze indicano la necessità di valutare accuratamente disturbi del sonno che si dovessero presentare.

Potrebbe interessarti anche…

I disturbi del sonno sono abbastanza frequenti nei bambini con la Sindrome di Ehlers-Danlos, ma la loro natura è poco nota. Per questo Domany e colleghi hanno analizzato tali alterazioni in una loro casistica con l’obiettivo di descriverne i tipi e di valutarne le modalità di gestione. Per farlo, hanno eseguito una revisione di cartelle cliniche e di polisonnografie di soggetti di età inferiore a 18 anni che avevano la Sindrome di Ehlers-Danlos e che erano stati studiati in un Centro specializzato nella valutazione del sonno. Di tutti sono state raccolte: caratteristiche come età e sesso, un’anamnesi dettagliata e le polisonnografie alle quali erano stati sottoposti. Sono stati presi in considerazione anche gli esiti di questionari mirati a verificare le caratteristiche del sonno, la presenza di sonnolenza diurna e la qualità di vita. La casistica è consistita in 65 soggetti con Sindrome di Ehlers-Danlos con un’età media di 13.15 ± 3.9 anni. Il 68% era di sesso femminile e il 91% di razza caucasica. Il periodo medio per il quale erano stati seguiti era di 1.14 ± 1.55 anni. Da un punto di vista delle alterazioni del sonno, le diagnosi più frequenti sono state insonnia (14 casi; 22%), apnea ostruttiva del sonno (17 casi; 26%), mioclono notturno (11 casi; 17%) e ipersonnia (10 casi; 15%). Inoltre, il 65% ha richiesto cure farmacologiche e nel 29% è stato applicato un approccio non farmacologico per il miglioramento del sonno. Dei casi di apnea ostruttiva del sonno, 2 sono stati gestiti con dispositivi specifici. In tutti i soggetti trattati alle visite di controllo si sono rilevati miglioramenti significativi (34 casi; p=0.0004, 0.03 0.01) rispettivamente, degli esiti dei questionari riguardanti caratteristiche del sonno, sonnolenza diurna e qualità di vita.

Nelle conclusioni, gli autori evidenziano l’alta prevalenza di alterazioni del sonno riscontrata nei soggetti pediatrici con Sindrome di Ehlers-Danlos e segnalano i rilevanti miglioramenti che si possono ottenere curandoli.

Tommaso Sacco

Fonte: Sleep Disorders and Their Management in Children With Ehlers-Danlos Syndrome Referred to Sleep Clinics; Journal of Clinical Sleep Medicine, 2018 Mar 30