Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Clinica della Sindrome di Klinefelter

Clinica della Sindrome di Klinefelter

Usualmente, il paziente con Sindrome di Klinefelter viene descritto alto, con testicoli piccoli e di consistenza aumentata, con ginecomastia, riduzione dei peli corporei in rapporto al sesso e all’età. In realtà, come già detto, il quadro clinico (fenotipo) è molto variabile e può essere tanto sfumato da rendere difficile la diagnosi. La Sindrome di Klinefelter è una patologia che spesso sfugge alla diagnosi: secondo i dati della letteratura, circa il 65% dei pazienti non viene mai identificato e comunque la diagnosi viene fatta spesso in età adulta quando questi soggetti si rivolgono al medico per una condizione di alterazione della funzione riproduttiva (infertilità) o per problemi sessuologici (disfunzione erettile). Nel 10% dei casi la diagnosi viene formulata prima della nascita, nella vita fetale, mediante l’amniocentesi eseguita per l’età materna avanzata. Peraltro, in questa fase non esistono differenze nell’aspetto dei feti con Sindrome di Klinefelter, rispetto a quelli con corredo cromosomico normale: 46,XY.

Potrebbe interessarti anche…

Normalmente, anche se con lieve ritardo, si assiste alla regolare saldatura delle cartilagini di coniugazione (quelle che permettono l’allungamento delle ossa) con arresto della crescita staturale: l’altezza finale degli adolescenti con Sindrome di Klinefelter risulta abitualmente superiore alla media con prevalenza della lunghezza degli arti rispetto al tronco (una delle caratteristiche dell’aspetto eunucoide). Un altro segno clinico caratteristico, anche se ovviamente non esclusivo della Sindrome di Klinefelter, è la ginecomastia. La frequenza rilevata nelle diverse casistiche risulta compresa tra 50 e 88% (Visootsak J, et al., 2001). Normalmente trattasi di condizioni benigne dovute ad un’alterazione del rapporto fra T  ed E2, che può risolversi spontaneamente, ma spesso richiedono un opportuno trattamento medico e/o chirurgico. Peraltro, in presenza di sovrappeso o franca obesità è consigliabile una terapia dietetica controllata e modifica dello stile di vita. Nei soggetti nei quali la diagnosi si formula in età adulta, il quadro clinico è estremamente variabile. Presentano frequentemente una statura superiore alla media, ginecomastia, testicoli piccoli e di consistenza aumentata, obesità o sovrappeso con adiposità localizzata prevalentemente all’addome. Il profilo delle funzioni cognitive dei pazienti con Sindrome di Klinefelter presenta specifiche caratteristiche con un quoziente intellettivo (QI) che, seppur nei limiti della norma, risulta mediamente ridotto di circa 10 punti (Ratcliffe et al., 1990). Le funzioni cognitive sono funzioni del cervello che permettono di acquisire, analizzare, archiviare e incrociare fra loro informazioni che al cervello stesso arrivano dall’ambiente esterno. Memoria, attenzione, percezione, riconoscimento e comprensione, informazioni provenienti dal mondo esterno, vengono utilizzate per modulare comportamenti, dare risposte, orientarsi nello spazio e nel tempo ed altri scopi ancora. Nei soggetti con Sindrome di Klinefelter, vengono descritte difficoltà di linguaggio e limitazioni nella comunicazione con altri individui, con ridotto adattamento sociale, che possono condizionare lo sviluppo della personalità e dei comportamenti (Bancroft et al., 1982). Le difficoltà del linguaggio includono sia il ritardo nell’apprendimento delle parole che della lettura. Inoltre, è stata documentata una maggiore incidenza, rispetto alla popolazione generale, di patologie psichiatriche quali ansia, depressione, disturbi del comportamento e a volte manifestazioni schizofreniche (Bender et al., 1995; DeLisi et al., 2005). Frequentemente possono essere presenti patologie correlate, sia all’alterazione dei cromosomi che all’ipogonadismo: la sindrome plurimetabolica, il diabete e l’osteoporosi. La sindrome plurimetabolica è caratterizzata da un aumento del grasso viscerale (circonferenza vita ≥102 cm), alterazioni del metabolismo degli zuccheri (metabolismo glucidico) e dei grassi (metabolismo lipidico) e ipertensione. In particolare riguardo al metabolismo glucidico, compare insulino-resistenza, vale a dire una ridotta sensibilità dei tessuti all’ormone insulina. La prevalenza della sindrome plurimetabolica in pazienti con Sindrome di Klinefelter è compresa fra il 33 ed il 46% (Bojesen et al, 2006; Ishikawa et al, 2008), rispetto al 20% rilevato nella popolazione generale (Ravaglia et al, 2006) di pari età. Questi pazienti hanno un aumento del grasso corporeo (massa grassa) ed in particolare di quello del tronco, riduzione della massa magra (l’insieme di tessuti dell’organismo ad esclusione del tessuto adiposo) (Tsai et al, 2000) con aumento della glicemia, dei trigliceridi, del colesterolo totale e lipoproteine a bassa densità (LDL). La sindrome plurimetabolica è stata dimostrata anche in casistiche di bambini ed adolescenti con precoce alterazione del rapporto fra massa grassa e massa magra (Aksglaede et al, 2008) e del metabolismo lipidico e glucidico. Studi epidemiologici hanno documentato, nei pazienti con Sindrome di Klinefelter, un aumento significativo sia della probabilità di ammalare di, che di morire per, diabete e malattie cardiovascolari (Swerdlow et al, 2005a; Bojesen et al, 2006). Per osteoporosi si intende un disordine metabolico  sistemico, caratterizzato da un decremento della massa ossea, del suo contenuto di calcio e della micro-architettura delle ossa cui consegue maggiore fragilità dell’osso e suscettibilità alle fratture. Trattasi di patologia più frequente nel sesso femminile (NIH Consensus et al, 2001). La prevalenza dell’osteopenia o dell’osteoporosi in pazienti con Sindrome di Klinefelter è di circa il 40% e risulta significativamente superiore alla popolazione generale. Numerosi studi dimostrano come l’ipogonadismo si associ frequentemente a questa alterazione del metabolismo osseo (Horowitz et al, 1984). E’ stato dimostrato che una riduzione della densità ossea si associa frequentemente all’ipogonadismo (Van Den Bergh et al, 2001). Una ridotta densità minerale ossea (BMD) valutata con un esame denominato MOC (mineralometria ossea computerizzata) è stata dimostrata già in adolescenti con Sindrome di Klinefelter (Aksglaede et al, 2008). Le informazioni su un aumentato rischio di sviluppare tumori in pazienti Sindrome di Klinefelter sono poche (Bojesen et al, 2004; Swerdlow et al, 2005). In particolare è riportata una maggior incidenza (circa 3%) del cancro della mammella (Sasco et al, 1993), dei tumori costituiti da cellule germinali, ma non localizzati nei testicoli (Schneider et al, 2002). A conclusione di queste brevi note, è opportuno sottolineare che una precoce identificazione della patologia e l’utilizzo di una corretta e tempestiva terapia possono permettere a questi pazienti una buona qualità di vita prevenendo molte delle disfunzioni correlate alla patologia cromosomica di base.

Nella sezione Sindrome di Klinefelter vedere anche

Ultime notizie sulla Sindrome di Klinefelter

Antonio Radicioni - Policlinico “Umberto I”, Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Terapia della Sindrome di Klinefelter

Bibliografia

  • Abramsky L, Chapple J. 47, XXY (Klinefelter syndrome) and 47,XYY: estimated rates of and indication for postnatal diagnosis with implications for prenatal counseling. Prenat Diagn 1997, 17: 363-68.
  • Aksglaede L, Petersen JH, Main KM, Skakkebæk NE, Juul A (2007) High normal testosterone levels in infants with non-mosaic Klinefelter’s syndrome. Europ J Endocrinol 157: 345–350.
  • Aksglaede L, Molgaard C, Skakkebaek NE, Juul A. Normal bone mineral content but unfavourable muscle/fat ratio in Klinefelter syndrome. Arch Dis Child 2008, 93: 30.
  • Aksglaede L, Skakkebaek NE, Juul A. Abnormal sex chromosome constitution and longitudinal growth: serum levels of insulin-like growth factor (IGF)-I, IGF binding protein-3, luteinizing hormone, and testosterone in 109 males with 47, XXY, 47,XYY, or sex-determining region of the Y chromosome (SRY)-positive 46,XX karyotypes. J Clin Endocrinol Metab 2008, 93 (1): 169-76.
  • Anawalt BD, Bebb RA, Matsumoto AM, et al. Serum inhibin B levels reflect Sertoli cell function in normal men and men with testicular dysfunction. J Clin Endocrinol Metab 1996, 81 (9): 3341-45.
  • Andersson AM, Müller J, Skakkebaek NE. Different roles of prepubertal and postpubertal germ cells and Sertoli cells in the regulation of serum inhibin B levels. J Clin Endocrinol Metab. 1998, 83 (12): 4451-58.
  • Bojesen A, Juul S, Højbjerg Gravholt CH. Prenatal and postnatal prevalence of Klinefelter syndrome: a national registry study. J Clin Endocrinol Metab 2003, 88: 622–26.
  • Bancroft J, Axworthy D, Ratcliffe S. The personality and psychosexual development of boys with 47, XXY chromosome constitution. J Child Psychol Psychiatry. 1982, 23 (2): 169-80.
  • Bender BG, Harmon RJ, Linden MG, Robinson A. Psychosocial adaptation of 39 adolescents with sex chromosome abnormalities. Pediatrics 1995, 96 (2 Pt 1): 302-308.
  • Bojesen A, Gravholt CH. Klinefelter syndrome in clinical practice. Nat Clin Pract Urol 2007, 4 (4): 192-204.
  • Bojesen A, Juul S, Birkebaek N, Gravholt CH. Increased mortality in Klinefelter syndrome. J Clin Endocrinol Metab 2004, 89 (8): 3830-34.
  • Bojesen A, Kristensen K, Birkebaek NH, et al. CH. The metabolic syndrome is frequent in Klinefelter's syndrome and is associated with abdominal obesity and hypogonadism. Diabetes Care 2006, 29 (7): 1591-98.
  • Cherrier MM, Asthana S, Plymate S, et al. Testosterone supplementation improves spatial and verbal memory in healthy older men. Neurology 2001, 57: 80-88.
  • Christiansen P, Andersson AM, Skakkebaek NE. Longitudinal studies of inhibin B levels in boys and young adults with Klinefelter syndrome. J Clin Endocrinol Metab 2003, 88 (2): 888-91.
  • DeLisi LE, Maurizio AM, Svetina C, et al. Klinefelter's syndrome (XXY) as a genetic model for psychotic disorders. Am J Med Genet B Neuropsychiatr Genet 2005, 135B (1):15-23.
  • Girardin CM, Lemyere E, Alos N, Deal C, Huot C, Van Vliet G. Comparison of Adolescents with Klinefelter Syndrome according to the circumstances of diagnosis: amniocentesis versus clinical signs. Horm Res 2009, 72: 98-105.
  • Horowitz M, Mordin BEC, Aaron JE. Klinefelter’s Syndrome. Berlin: Springer-Verlag, 1984: 51-61.
  • Iitsuka Y, Bock A, Nguyen DD, Samango-Sprouse CA, Simpson JL, Bischoff FZ. Evidence of Skewed X-Chromosome Inactivation in 47, XXY and 48,XXYY Klinefelter patients. Am J Med Genet 2001, 98 (1): 25-31.
  • Jacobs PA, Strong JA. A case of Human intersexuality having a possible XXY sex-determining mechanism. Nature 1959, 183: 302-303.
  • Kamischke A, Baumgardt A, Horst J, Nieschlag E. Clinical and diagnostic features of patients with suspected Klinefelter syndrome. J Androl 2003, 24: 41-48.
  • Klinefelter HF, Refenstein EC, Albright F. Syndrome characterized by gynecomastia, aspermatogenesis without a leydigism and increased excretion of follicle stimulating hormone. J Clin Endocrinol Metab 1942, 2: 615-27.
  • Klingmüller D, Haidl G. Inhibin B in men with normal and disturbed spermatogenesis. Hum Reprod 1997, 12: 2376-78.
  • Lahlou N, Fennoy I, Carel JC, Roger M Inhibin B and Anti-Mullerian Hormone, But Not Testosterone Levels, Are Normal in Infants with Nonmosaic Klinefelter Syndrome (2004) J Clin Endocrinol Metab, April, 89(4):1864–1868.
  • Lanfranco F, Kamischke A, Zitzmann M, Nieschlag E. Klinefelter’s syndrome. Lancet 2004, 364: 273-83.
  • Lanfranco F, Zitzmann M, Simoni M, Nieschlag E. Serum adiponectin levels in hypogonadal males: influence of testosterone replacement therapy. Clin Endocrinol 2004, 60 (4): 500-507.
  • Lee YS, Cheng AW, Ahmed SF, Shaw NJ, Hughes IA. Genital anomalies in Klinefelter's syndrome. Hormone Research 2007, 68: 150-55.
  • Linden MG, Bender BG, Robinson A.. Sex chromosome tetrasomy and pentasomy. Pediatrics 1995, 96: 672-682.
  • Nielsen J, Wohlert M. Sex chromosome abnormalities found among 34,910 newborn children: results from a 13-year incidence study in Arhus, Denmark. Birth Defects Orig Artic Ser 1990, 26: 209–23.
  • NIH Consensus Development Panel on Osteoporosis Prevention, Diagnosis and Therapy. Osteoporosis prevention, diagnosis and therapy. JAMA 2001, 285: 785.
  • Pugh PJ et al. Testosterone improves functional capacity and symptoms in men with hearth failure. Heart 2004, 90:446-447
  • Radicioni AF, Anzuini A, De Marco E, Nofroni I, Castracane VD, Lenzi A. Changes in serum inhibin B during normal male puberty. Eur J Endocrinol. 2005,152 (3): 403-9.
  • Ratcliffe SG, Jenkins J, Teague P. Cognitive and behavioural development of the 47, XYY child. In Berch, DB, Bender BG (eds) Boulder (CO) 1990, Westview Press, pp. 161-184.
  • Ratcliffe S. Long-term outcome in children of sex chromosome abnormalities. Arch Dis Child 1999; 80: 192–195
  • Ravaglia G, Forti P, Maioli F, et al. Metabolic Syndrome: prevalence and prediction of mortality in elderly individuals. Diabetes Care 2006; 29:2471-6
  • Salbenblatt JA, Bender BG, Puck MH, Robinson A, Faiman C, Winter JS. Pituitary-gonadal function in Klinefelter syndrome before and during puberty. Pediatr Res 1985; 19:82-86.
  • Sasco AJ. Rewiev articles: epidemiology of male breast cancer. A mate-analysis of published case-control studies and discussion of selected aetiological factors. Int J Cancer, 1993; 53: 538-49
  • Scheithauer BW, Moschopulos M, Kovacs K, Jhaveri BS, Percek T, Lloyd RV. The pituitary in klinefelter syndrome. Endocr Pathol. 2005 Summer;16(2):133-8
  • Schneider DT, Schuster AE, Fritsch MK, et al. Genetic analysis of mediastinal nonseminomatous germ cell tumors in children and adolescents. Genes Chromosomes Cancer 2002;34:115- 25.
  • Simm PJ et al. The psychosocial impact of Klinefelter syndrome--a 10 year review. J Pediatr Endocrinol Metab 2006; 19: 499-505.
  • Smyth CM and Bremner WJ (1998) Klinefelter syndrome. Arch Intern Med 158:1309–1314
  • Swerdlow AJ, Higgins CD, Schoemaker MJ, et al., Mortality in patients with Klinefelter syndrome in Britain: a cohort study. J Clin Endocrinol Metab. 2005a;90:6516-22.
  • Swerdlow Aj, Schoemaker MJ, Higgins CD, et al.,. Cancer Incidence and Mortality in Men with Klinefelter Syndrome: A Cohort Study. J Natl Cancer Ins. 2005; 97:1204-10.
  • Topper E et al. Puberty in 24 patients with Klinefelter syndrome. Eur J Pediatr 1982; 139:8-12.
  • Van den Bergh JP, Hermus AR, Spruyt AI, Sweep CG, Corstens FH, Smals AG Bone mineral density and quantitative ultrasound parameters in patients with Klinefelter's syndrome after long-term testosterone substitution. Osteoporos Int. 2001;12(1):55-62.
  • Wang C et al. Transdermal testosterone gel improves sexual function, mood, muscle strength, and
  • Visootsak J, Aylstock M and Graham JM Jr Kilnefelter Syndrome and Its Variants: An Update and Review for the Primary Pediatrician Clin Pediatr (Phila) 2001; 40; 639
  • Wikstrom AM et al. Are adolescent boys with Klinefelter syndrome androgen deficient? A longitudinal study of Finnish 47, XXY boys. Pediatric Res 2006; 59:854-859.
  • Zeger MP, Zinn AR, Lahlou N, Ramos P, Kowal K, Samango-Sprouse C, Ross JL. Effect of ascertainment and genetic features on the phenotype of Klinefelter syndrome. J Pediatr. 2008; 152:716-22.
  • Zitzman M et al. X-Chromosome Inactivation Patterns and Androgen Receptor Functionality Influence Phenotype and Social Characteristics as Well as Pharmacogenetics of Testosterone Therapy in Klinefelter Patients. JCEM 2004; 89:6208-6217.
Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti