Causa e meccanismi di sviluppo della Sindrome di Arnold-Chiari

Causa e meccanismi di sviluppo della Sindrome di Arnold-Chiari

Sono stati definiti 5 tipi di malformazioni di Chiari, numerati da 0 a IV. In generale, queste malformazioni riguardano l’area posteriore del cranio, dove c’è il passaggio dal cervello al midollo spinale. Hans Chiari, un anatomopatologo austriaco individuò i tipi dall’I al III e perciò queste malformazioni portano il suo nome. Le malformazioni di chiari sono chiamate anche: ernia tonsillare congenita o ectopia tonsillare. Tutte le malformazioni di Chiari limitano il passaggio del liquido cefalorachidiano dal compartimento dove c’è il cervello a quello del midollo spinale. A volte ciò ha, come conseguenza, l’aumento della pressione esercitata da questo fluido nel cranio, creando un’alterazione denominata idrocefalo. Dei cinque tipi di malformazioni, quella che può provocare un quadro molto grave di idrocefalo è il tipo II. La malformazione di Chiari di tipo I è invece quella più spesso all’origine della Sindrome di Arnold-Chiari, caratterizzata dalla siringomielia. La tipo I consiste nella discesa, attraverso l’apertura presente alla base del cranio denominata in latino “foramen magnum” (o foro grande), di strutture chiamate tonsille cerebrali. Queste, inserendosi nel canale vertebrale, lo chiudono del tutto o in parte, limitando o bloccando il flusso del liquido cefalorachidiano. All’origine della discesa delle tonsille cerebrali c’è quasi sempre una malformazione delle ossa del cranio che limita lo spazio disponibile, alla sua base, per tali parti anatomiche. Un quadro con siringomielia può associarsi anche alla malformazione di Chiari di tipo 0, nella quale non c’è l’ernia delle tonsille cerebrali, tipica della forma di tipo I. In alcuni Centri degli Stati Uniti e presso l’Ospedale Gaslini di Genova si stanno sviluppando ricerche che hanno l’obiettivo di definire se e come la malformazione di Chiari I si erediti e con quali meccanismi genetici. Sono stati segnalati casi, estremamente rari, nei quali le malformazioni di Chiari non sono congenite, ma si acquisiscono nel corso della vita.

Potrebbe interessarti anche…

Nella sezione Sindrome di Arnold-Chiari vedere anche

Ultime notizie sulla Sindrome di Arnold-Chiari

Tommaso Sacco

Fonti

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.