Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Diagnosi e Trattamento

Diagnosi e Trattamento

La diagnosi della sclerodermia nelle sue varie forme non è sempre facile e precoce, perché alcuni quadri iniziali possono essere poco definiti, meno evidenti o sottovalutati.

Potrebbe interessarti anche…

Per approfondimenti sulla diagnosi e la classificazione si rimanda a un aggiornamento pubblicato di recente.

Non esiste una vera e propria cura della sclerodermia, ma s’impiegano trattamenti che intervengono su vari aspetti della malattia. Per limitare i fenomeni di autoimmunità si usano farmaci che riducono l’attività del sistema immunitario e altri vengono somministrati per controllare alterazioni e sintomi a carico dei vari organi e apparati coinvolti. Ad esempio, per le lesioni cutanee si usano creme e altri prodotti a base di cortisone e per migliorare la funzione del cuore e dei vasi sanguigni si somministrano, tra gli altri, l’acido acetilsalicilico, per prevenire l’ostruzione dei vasi, e i bloccanti dei canali del calcio, per rilassare i muscoli della parete dei vasi. Farmaci che riducono la secrezione di acido nello stomaco, come gli inibitori della pompa protonica, vengono prescritti per prevenire il reflusso di acido nell’esofago.

Alle persone con sclerodermia si raccomandano anche abitudini di vita che possono prevenire o migliorare alcune manifestazioni della malattia.

  • Mantenersi attivi. L’esercizio favorisce la funzionalità di ossa articolazioni e muscoli e stimola il corretto funzionamento di cuore, vasi sanguigni e intestino.
  • Non fumare. La nicotina peggiora il funzionamento dei vasi sanguigni e favorisce la comparsa del Fenomeno di Raynaud. Inoltre, può peggiorare la funzione dei polmoni, che in alcuni casi sono danneggiati dalla malattia.
  • Evitare cibi e bevande che provocano gonfiore di stomaco e reflusso. L’assunzione di bevande gassate e di cibi poco digeribili o che gonfiano lo stomaco andrebbe evitata, in particolare nelle ore serali e prima di andare a letto. Sollevare la testata del letto può aiutare a evitare il reflusso dallo stomaco all’esofago.
  • Proteggersi dal freddo. Le persone con sclerodermia devono porre particolare cura nel coprire mani, piedi, braccia, gambe, viso e testa quando la temperatura è particolarmente fredda.
Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti