Sintomi e segni della Malattia di Fabry

Sintomi e segni della Malattia di Fabry

Nella Malattia di Fabry si possono verificare diverse combinazioni di geni e il meccanismo di smaltimento degli sfingolipidi si può alterare in varia misura in cellule di tessuti diversi. Ciò spiega perché essa si manifesta con vari gradi di gravità e coinvolgendo organi e apparati di vario tipo. Nella sua forma più tipica, che si manifesta prevalentemente nei maschi emizigoti nei quali l’attività dell’enzima alfa-galattosidasi A manca del tutto, è caratterizzata da: sintomi neurologici, come ad esempio dolore, lesioni alla pelle, alterazioni della funzione dei reni, con eccessiva perdita di proteine nelle urine e insufficienza renale, e del cuore, con modificazioni del ritmo. In particolare, il dolore tende a localizzarsi a mani e piedi e, a livello della cute, si formano lesioni denominate angiocheratomi, formate da piccoli vasi sanguigni e tessuto corneo della pelle. Si possono osservare anche danni all’organo dell’equilibrio e ictus. Il dolore, che può essere cronico o acuto e in alcuni casi si associa a parestesia e senso di bruciore e di formicolio, compare fra i 4 e i 10 anni. A volte si presentano anche sintomi gastrointestinali, come diarrea, nausea e vomito, e alterazioni della cornea. Nelle età successive è più frequente il riscontro di: alterazioni della struttura e della funzione del cuore e danni al cervello, dovuti a ischemia, e anche disfunzioni renali. Le femmine eterozigoti hanno anch’esse sintomi e la loro gravità varia da moderata a grave. In alcune persone la malattia si manifesta in maniera meno caratteristica o in età più avanzata e i sintomi che prevalgono riguardano prevalentemente cuore o reni.

Potrebbe interessarti anche…

Nella sezione Malattia di Fabry troverete

Ultime notizie sulla Malattia di Fabry

Tommaso Sacco

Fonti

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.