Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Diagnosi della fibrosi cistica

Diagnosi della fibrosi cistica

Oggi la grande maggioranza dei casi di fibrosi cistica è individuata alla nascita grazie a un esame del sangue al quale sono sottoposti tutti i neonati. Lo screening neonatale si esegue misurando nel sangue, entro 48-72 ore dalla nascita, la concentrazione di tripsina. Se questa è alta, si procede ad un secondo esame, tra il quindicesimo e il ventesimo giorno di vita, presso un Centro dedicato. Questa seconda prova serve a confermare la diagnosi. L’individuazione precoce della fibrosi cistica consente l’avvio tempestivo delle cure e ciò migliora l’accrescimento, rallenta lo sviluppo dei danni ai polmoni e, in generale, migliora l’andamento della malattia. Lo screening neonatale è obbligatorio in tutte le Regioni italiane, in base alle Leggi 104/1992 e 548/1993. La misurazione della concentrazione di cloro nel sudore, chiamata test del sudore, è l’esame più attendibile per la diagnosi della fibrosi cistica. Esso è di semplice esecuzione ed è indicativo della presenza della malattia, se il valore ottenuto è di 60 mEq/L. È certamente negativo se è di 40 mEq/L. Se il dato rilevato è compreso far questi due valori il risultato è considerato dubbio e la prova deve essere ripetuta. Il test del sudore si fa nei bambini risultati positivi allo screening neonatale per la fibrosi cistica o se si manifestano quadri patologici a carico di polmoni e pancreas che fanno sospettare la malattia. Forme di fibrosi cistica meno gravi, che costituiscono il 10% del totale dei casi, vengono diagnosticate in età più avanzata.

Potrebbe interessarti anche…

Nella sezione Fibrosi Cistica troverete anche

Tommaso Sacco

Fonti

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti