Le principali novità del Decreto 12 gennaio 2017

Le principali novità del Decreto 12 gennaio 2017

L’aggiornamento della lista della Malattie Rare, con il Decreto del 12 Gennaio 2017, ha portato non solo all’inserimento di 100 nuove malattie rare nell’elenco, ma anche una riorganizzazione e revisione della vecchia lista. In particolare sono stati inseriti dei gruppi aperti così anche quelle malattie rare non inserite nella lista ma riconducibili ad un gruppo abbiano diritto all’esenzione.

Potrebbe interessarti anche…

Ecco alcune novità dell’elenco:

  • creazione di 16 capitoli distinti per apparato
  • definizione di gruppi in cui poter collocare le malattie rare che, nel futuro, non dovessero trovare accoglienza in gruppi già definiti, in modo da garantire il diritto all’esenzione a tutti gli aventi diritto
  • inserimento della sarcoidosi (con esenzione da riconfermare dopo i primi 12 mesi, solo per le forme persistenti)
  • spostamento tra le malattie croniche di 4 patologie già esenti come malattie rare:
    • malattia celiaca (059);
    • sindrome di Down (065);
    • sindrome di Klinefelter (066);
    • connettiviti indifferenziate (067);
  • inserimento di 2 patologie già esenti come malattie croniche:
    • sclerosi sistemica progressiva (RM0120);
    • miastenia grave (RFG101).
  • per alcune malattie (tumore di Wilms, retinoblastoma, pubertà precoce idiopatica), sono stati introdotti limiti temporali all’esenzione che verrà eventualmente rinnovata alla scadenza, in relazione al decorso clinico del singolo paziente

Il Decreto sui nuovi LEA estende anche l’elenco delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale includendo, per la parte del Laboratorio, nuove indagini per la diagnosi precoce di numerose malattie metaboliche rare.

Vedere anche all’interno della sezione Malattie rare esentate in Italia

Sezione a cura di Simon Basten

Fonti: Ministero della Salute

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.