MENU SEZIONE

FONDAZIONE CESARE SERONO

Tiroide è donna

La tiroide è donna. A darne ulteriore conferma sono i dati emersi dalla prima edizione della campagna di sensibilizzazione Tiroide in Prima Fila, condotta da Fondazione Cesare Serono (FCS). Ben 2.237 i questionari compilati online per sensibilizzare sui sintomi che potrebbero essere espressione di patologie tiroidee quali iper- e ipotiroidismo. Di questi, 1.894 (85%) sono stati completati da donne, più sensibili ai temi e ai problemi legati alla tiroide in particolare, considerata la maggior frequenza femminile che caratterizza le patologie tiroidee; il rapporto, infatti, è di 8 a 11 rispetto agli uomini.

L’alto numero di adesioni alla campagna è una conferma dell’importanza di questa iniziativa e un ulteriore stimolo a proseguire le attività di sensibilizzazione. Oltre il 50% delle persone che soffrono di disturbi alla tiroide, infatti, sembra non essere consapevole della propria condizione patologica e non riceve una diagnosi corretta e tempestiva2.

Per questo motivo la Fondazione Cesare Serono ha deciso di dare continuità all’iniziativa annunciando la campagna Tiroide in Primo Piano, che sfrutterà ancora di più le potenzialità del web e dei social network, per una sensibilizzazione capillare e mirata che vedrà il suo momento culminante in occasione della Settimana Mondiale della Tiroide.

La maggior parte delle donne che hanno risposto al questionario ha un’età compresa tra i 36 e i 50 anni. (42%) e tra 18 e 35 anni (40%). Un dato sorprendente, quest’ultimo, che segnala come le persone più giovani, tendenzialmente meno attente ai problemi di salute in generale, prestino invece particolare attenzione alle patologie tiroidee.

Dell’85% delle donne che hanno compilato il questionario però solo il 50% ha controllato la funzione tiroidea negli ultimi 3 anni; questa apparente contraddizione potrebbe essere attribuita al fatto che l’interesse verso la patologia è presente, ma manca l’attenzione necessaria a effettuare gli esami specifici. D’altra parte, è interessante notare che la percentuale di donne che ha eseguito prove di laboratorio (il 48%) è sovrapponibile a quella che ha riferito di avere una familiarità per patologie della tiroide: il 48%. Probabilmente, il fatto di avere una familiarità rappresenta una spinta a eseguire esami favorendo l’abitudine a controllare la funzione tiroidea.

Il questionario conteneva domande circa la presenza dei segnali tipici delle malattie tiroidee; stanchezza o debolezza non motivate, ossia il sintomo dell’astenia, sono risultate più frequenti nel sesso femminile, rispetto a quello maschile (rispettivamente 73% e 58%). Dato interessante quello che mostra come l’astenia sia stata segnalata più spesso da persone giovani. Questo sintomo infatti è stato riportato dal 77% dei rispondenti di età compresa fra 18 e 35 anni, rispetto al 63% dei soggetti di età fra 51 e 60 anni o al 54% di coloro che hanno più di 60 anni.

La maggioranza delle donne (il 62%) ha poi dichiarato di avvertire irregolarità dei battiti cardiaci, mentre gli uomini che percepivano tali alterazioni erano in minoranza (il 43%). Rispetto alle fasce di età, tale disturbo era più frequente fra i 36 e i 50 anni e fra i 51 e i 60. La differenza di frequenza fra femmine e maschi rispetto al sintomo irritabilitàè stata meno marcata (80% vs 67%); più netta, invece, quella osservata riguardo alla sensibilità al caldo o al freddo (71% rispetto a 44%).

“In Italia si stima che ci siano sei milioni di persone con problemi legati alla tiroide - ha affermato Gianfranco Conti, Direttore della Fondazione Cesare Serono - Per molte di esse i sintomi sono assenti o sono talmente lievi e non specifici da ritardare per molto tempo l’individuazione della malattia. I dati raccolti attraverso il questionario confermano la necessità di sensibilizzare la popolazione sulle patologie tiroidee e sui disturbi provocati dalle stesse, allo scopo di favorire una diagnosi precoce e l'inizio della terapia”.

Tiroide in Prima Fila ha ricevuto il patrocinio dalle principali Società Scientifiche di riferimento (AIT - Associazione Italiana della Tiroide, AME - Associazione Medici Endocrinologi, SIE - Società Italiana di Endocrinologia, SIEDP - Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica) e dal CAPE – Comitato Associazione di Pazienti Endocrini.

La campagna Tiroide in Prima Fila è realizzata grazie al contributo incondizionato di Merck Serono S.p.A.

Redazione Fondazione Cesare Serono

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI

L’attenzione

E’ molto difficile dare una definizione di attenzione in termini medici, poiché essa non esprime un‘unica funzione, ma piuttosto riguarda una varietà di meccanismi psicologici, molto diversi tra loro,  che dipendono dall’attivazione di differenti aree del cervello. Tuttavia, possiamo genericamente affermare che l’attenzione è la funzione cognitiva che ci permette di elaborare le informazioni provenienti [...]

Leggi Tutto

Sclerosi Multipla

Per quanto riguarda la disabilità  nell'età  giovane e adulta, nell'ambito del progetto di ricerca è stato realizzato un approfondimento sulla sclerosi multipla, ed anche l'indagine sulla popolazione ha previsto una sezione specificamente dedicata a questo tema.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.www.fondazioneserono.org/newsletter/ La SM è una patologia che gode di una [...]

Leggi Tutto

La gravidanza di settimana in settimana

1-3 settimane Più o meno a metà fra una mestruazione e l'altra (ma non sempre) avviene l'ovulazione.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.www.fondazioneserono.org/newsletter/ L'uovo maturo rilasciato dall'ovaia discende verso la tuba, dove avviene il concepimento se questi incontra uno spermatozoo. L'uovo può vivere 24 ore dopo essere stato rilasciato, mentre gli [...]

Leggi Tutto