MENU SEZIONE

FONDAZIONE CESARE SERONO

Un questionario per migliorare l’interazione fra persone con malattie della tiroide e medici

tiroide

La Fondazione Cesare Serono, con il questionario “Tiroide in Primo Piano” ha raccolto riscontri di persone con ipotiroidismo o ipertiroidismo riguardo a come il problema è stato gestito. Si chiede ora ai medici di fornire il loro parere sui risultati ottenuti con il questionario.

Dal 05/06/2015 al 18/09/2015 persone che avevano ricevuto una diagnosi di ipo- o ipertiroidismo hanno compilato 1652 questionari sul sito della Fondazione Cesare Serono. Tale questionario aveva l’obiettivo di raccogliere informazioni su: caratteristiche della patologia, modalità e tempi della diagnosi, trattamento e soddisfazione degli utenti per l’assistenza ricevuta dal Sistema Sanitario. L’analisi delle risposte ricevute ha fornito spunti molto interessanti, come ad esempio la conferma che una discreta percentuale di alterazioni della funzione della tiroide viene individuata solo sulla base di modificazioni di esami di laboratorio o per evidenze ottenute con l’ecografia. Si è anche rilevato che, a volte, la diagnosi richiede tempi lunghi e che anche l’accesso ai controlli, da eseguire dopo la definizione del quadro e l’inizio della cura, non sempre è adeguato. Infine, la soddisfazione per l’assistenza ottenuta è diversa fra Nord, Centro e Sud Italia.

Al Congresso dell’Associazione Italiana della Tiroide i risultati di Tiroide in Primo Piano sono stati ufficialmente presentati per la prima volta agli specialisti e ad alcuni di loro è stato chiesto di fornire il proprio punto di vista su quanto riferito dai malati. Tali commenti sono stati particolarmente interessanti e hanno suggerito che l’ideale completamento dell’indagine Tiroide in Primo Piano consisterebbe proprio nel raccogliere il riscontro del più ampio numero possibile di medici circa i risultati dell’analisi del questionario.

Per questo la Fondazione Cesare Serono ha pubblicato sul proprio sito il questionario proposto al Congresso dell’Associazione Italiana della Tiroide. Le risposte fornite dai malati e quelle dei medici saranno quindi integrate in un’unica analisi che potrebbe fornire soluzioni per migliorare l’interazione e la comunicazione fra chi ha un problema alla tiroide e chi glielo deve risolvere.

Il questionario si può trovare a questo link.

Tommaso Sacco

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI

Valutata la densità minerale dell’osso in bambini e adolescenti con la Sindrome di Prader-Willi

Uno studio ha seguito nel tempo la densità minerale dell’osso in bambini e adolescenti con la Sindrome di Prader-Willi che assumevano l’ormone della crescita. I risultati hanno indicato che la densità minerale dell’osso era stabile fino alla pubertà, ma diminuiva negli adolescenti.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.www.fondazioneserono.org/newsletter/ La densità minerale [...]

Leggi Tutto

Prof. Paolo Beck-Peccoz

Specialista in Endocrinologia (1973) Specialista in Medicina Interna (1977) Assistente Universitario, Istituto di Clinica Medica II, Università di Milano (1973-1983) Professore Associato di Fisiopatologia Endocrina, Università di Milano (1983-1990) Professore Ordinario di Endocrinologia, Università degli Studi di Milano (1990-2013) Direttore dell’UO di Endocrinologia e Diabetologia, Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico (2000-2013) Direttore della [...]

Leggi Tutto

La terapia chirurgica, se praticabile migliora l’andamento della malattia di Cushing: risultati di un recente studio

Un recente studio ha valutato i risultati di diverse cure chirurgiche per la malattia di Cushi [...]

Leggi Tutto