MENU SEZIONE

FONDAZIONE CESARE SERONO

Disabilità : una sofferenza nascosta, le risposte arrivano solo dalle famiglie

Centralità della Persona

La sclerosi multipla è una malattia che fa soffrire anche se nelle fasi iniziali spesso non si vede e la diagnosi talvolta resta complicata. Secondo la ricerca della Fondazione Cesare Serono e del Censis, il 48,7% dei malati si è rivolto a diversi medici prima di arrivare alla diagnosi corretta, il 40,1% ha avuto difficoltà  a convincere il medico dei propri sintomi, il 29,5% ha ricevuto trattamenti per una patologia diversa. La terapia farmacologica è centrale, sebbene non siano ancora noti medicinali in grado di determinare una guarigione definitiva. Ma un ruolo comunque importante è ricoperto dalle terapie non farmacologiche. Tuttavia, con l'eccezione della fisioterapia (indicata dal 51,5% dei malati, soprattutto dai più anziani, tra i quali la percentuale sale al 70,2%) e della terapia psicologica (18%), è molto contenuto il numero di malati che possono fruirne.

La sclerosi multipla colpisce le persone adulte, quando sono nel pieno della vita attiva. Circa la metà  dei malati (49,8%) riferisce che la malattia ha causato un cambiamento in negativo della loro vita lavorativa. Ma l'impatto di una malattia cronica e invalidante non si ferma alla sfera professionale, e permea inevitabilmente la vita sociale ed emotiva delle persone che ne sono colpite: interrompendo le attività  del tempo libero (del tutto per il 48,3%, in parte per il 28,5%), fino ad arrivare all'isolamento sociale (molto per il 32,6%, in parte per il 27,9%). Il 48,5% dei malati ha bisogno di aiuto nella vita quotidiana. Ma il dato oscilla dal 9,5% di chi si definisce lievemente o per nulla disabile all'83% tra i malati più gravi. Le risposte arrivano quasi solo dalle famiglie. Il 38,1% dei malati riceve assistenza informale tutti i giorni dai familiari conviventi (e la percentuale aumenta tra chi riferisce livelli di disabilità  più elevati: 62,8%). L'aiuto quotidiano da parte di parenti non conviventi e amici è più raro (8,1%). Solo il 15,3% riceve aiuto da personale pubblico (e solo il 3,3% tutti i giorni). Minoritario è il supporto offerto dal volontariato (8,4%).

I servizi sanitari considerati più utili sono i centri clinici per la sclerosi multipla (52,7%), i farmaci gratuiti (31,1%) e le visite specialistiche ambulatoriali (29,4%). Numerosi sono i servizi sanitari che andrebbero rafforzati, secondo le opinioni raccolte: gli stessi centri clinici (che spesso si limitano a fornire solo la terapia farmacologica) per il 30,4% del campione, la specialistica ambulatoriale (27,1%), le visite mediche domiciliari (25,1%), i ricoveri in day hospital (22,3%). Ma sono soprattutto i servizi socio-assistenziali a richiedere un forte potenziamento dell'offerta: l'assistenza domiciliare è ritenuta uno dei servizi più utili dal 77,5% del campione e il 72,4% ne ritiene necessario il potenziamento. Seguono gli aiuti economici e gli sgravi fiscali (tra gli strumenti più utili secondo il 52,6%, da potenziare secondo il 47,7%), il supporto psicologico (utile per il 37%, da potenziare per il 25,8%).

Anche per le persone con autismo il percorso che porta alla diagnosi è spesso lungo e complesso. In circa l'80% dei casi i primi sospetti sono stati formulati dalle madri, perlopiù nel corso del secondo anno di vita del bambino (41,2%). La quota più ampia del campione di famiglie (45,9%) ha dovuto attendere tra 1 e 3 anni per ottenere la diagnosi, il 13,5% addirittura più di 3 anni. Mediamente sono 2,7 i centri e gli specialisti a cui le famiglie si sono rivolte prima della diagnosi definitiva. I disturbi indicati più frequentemente dai familiari sono quelli legati alla compromissione della comunicazione verbale e non verbale, moderata o grave nel 77,2% dei casi, con frequenza più alta tra i bambini più piccoli (82,4%). Seguono i problemi dell'apprendimento, indicati come moderati o gravi dal 73,4% del campione. Tra i disturbi più problematici da gestire c'è l'aggressività  e l'autolesionismo (25,1%).

A seguire una terapia farmacologica è meno di un terzo delle persone con autismo, anche perché non esistono farmaci specifici per questa patologia. Quasi tutti i bambini con autismo ricevono qualche tipo di intervento abilitativo, ma tra gli adolescenti e gli adulti la quota di quanti non fanno nessuna terapia psicologica, pedagogica e sociale si attesta intorno al 30%. La tipologia di trattamento più efficace, anche secondo le recenti Linee guida pubblicate dall'Istituto superiore di sanità , è la terapia cognitivo-comportamentale, seguita dal 49,3% del campione. Sono in media 5,2 le ore settimanali di trattamento ricevute. Di queste, 3,2 vengono pagate privatamente dalle famiglie, con costi rilevanti a proprio carico, contro le 2,0 erogate dal soggetto pubblico. Diffuse, soprattutto tra i bambini più piccoli, logopedia (32,8%), psicomotricità  (30,8%) e psicoterapia (13,9%), che costituiscono l'unico approccio terapeutico nel 20,5% dei casi.

La scuola gioca un ruolo centrale, e la quasi totalità  dei bambini e ragazzi autistici la frequenta (il 93,4% fino ai 19 anni). Il numero medio settimanale di ore di sostegno ricevute da parte di un insegnante è pari a 15,9, in modo omogeneo nelle diverse zone del Paese. Ma il sostegno fornito dagli educatori inviati dal Comune (mediamente 5,3 ore settimanali), dagli assistenti alla comunicazione (2,0 ore) e da operatori di altro genere (0,9 ore) è molto più contenuto al Sud, dove le ore di sostegno ricevute complessivamente dal personale pubblico sono in media 19,1 alla settimana, contro le 24,1 della media nazionale.

La tipologia e la gravità  dei sintomi che caratterizzano i disturbi dello spettro autistico comportano per le famiglie un carico assistenziale estremamente gravoso. Le ore di assistenza e sorveglianza ammontano in media a 17,1 al giorno. L'assistenza rimane nella grande maggioranza dei casi un onere esclusivo della famiglia, con un impatto rilevante non solo sulla qualità  della vita, ma anche sui progetti e le scelte a lungo termine. La disabilità  della persona con autismo ha avuto un impatto negativo sulla vita lavorativa del 65,9% delle famiglie coinvolte nello studio. In particolare, il 25,9% delle madri ha dovuto lasciare il lavoro e il 23,4% lo ha dovuto ridurre.

Questi sono alcuni dei principali risultati del primo anno di lavoro del progetto pluriennale «Centralità  della persona e della famiglia: realtà  o obiettivo da raggiungere?» avviato dalla Fondazione Cesare Serono e dal Censis, presentati oggi a Roma a Palazzo Marini da Ketty Vaccaro, responsabile del settore Welfare del Censis, Giuseppe De Rita e Carla Collicelli, Presidente e Vicedirettore del Censis, e discussi, tra gli altri, da Gianfranco Conti, Direttore generale della Fondazione Cesare Serono, Elio Guzzanti, Direttore scientifico dell'Irccs Oasi, Paola Binetti e Livia Turco, membri della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati.

Ufficio Stampa Censis

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI

Cosa posso fare per proteggere la mia fertilità?

La fertilità è la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Nella donna è strettam [...]

Leggi Tutto

Melanzane alla parmigiana

Ingredienti (per 4 persone) 3 Melanzane, olio q.b., 4 pomodori, basilico q.b., parmigiano grattugiato, 3 mozzarelle da 125 g. Preparazione Preparate le melanzane con la farina, oppure cotte sulla piastra per avere un piatto più digeribile.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.www.fondazioneserono.org/newsletter/ Con 4 pomodori ben maturi o una scatola di [...]

Leggi Tutto

Il sistema immunitario e i suoi obiettivi

Fin dalle prime osservazioni dei medici dell’antichità, la capacità di alcuni individui di resistere ad aggressioni, come gravi infezioni, è stata interpretata come una difesa verso agenti dannosi. La medicina cinese proponeva procedure che avevano lo scopo di attivare le difese, in persone sane, verso determinate malattie, mediante il contatto con materiali provenienti da individui [...]

Leggi Tutto