MENU SEZIONE

FONDAZIONE CESARE SERONO

Aumentano le persone disabili, ma scontano invisibilità , ignoranza e pregiudizi

Centralità della Persona

La disabilità fa ancora paura. Sono 4,1 milioni le persone disabili che vivono in Italia, secondo le stime del Censis, pari al 6,7% della popolazione. Le persone disabili suscitano in gran parte degli italiani sentimenti positivi, come la solidarietà  (per il 91,3%), l'ammirazione per la loro forza di volontà  e la determinazione che comunicano (85,9%), il desiderio di rendersi utili (82,7%). La metà  (50,8%) afferma di provare tranquillità , di fronte a una situazione ritenuta «normale». Ma sono diffusi anche sentimenti controversi, imbarazzo e disagio. Il 54,6% degli italiani prova paura, per l'eventualità  di potersi trovare un giorno a dover sperimentare la disabilità  in prima persona o nella propria famiglia. Poi c'è il timore di poter involontariamente offendere o ferire la persona disabile con parole e comportamenti inopportuni (34,6%). Il 14,2% degli italiani afferma di provare indifferenza, perché il problema della disabilità  non li tocca minimamente.

È quanto emerge da una ricerca del Censis sulla percezione sociale delle disabilità , realizzata nell'ambito del progetto pluriennale «Centralità  della persona e della famiglia nei sistemi sanitari: realtà o obiettivo da raggiungere?» avviato dalla Fondazione Cesare Serono.

Con sentimenti che oscillano tra la partecipazione umana e la paura, costruire una relazione con le persone disabili è difficile. Due terzi degli intervistati (66%) ritengono che soprattutto le persone con disabilità  mentale sono accettate solo a parole dalla società , ma nei fatti vengono spesso emarginate. Quasi un quarto del campione (23,3%) ha un'opinione ancora più negativa, ritenendo che non c'è nessuna accettazione sociale, perché la disabilità  mentale fa paura e queste persone si ritrovano quasi sempre discriminate e sole. Solo il 10,7% degli intervistati ritiene che invece sono accettate pienamente e che nei loro confronti c'è disponibilità  all'aiuto e al sostegno.

Una percezione sociale ancora lacunosa e distorta. Le disabilità  sono un tema ancora troppo poco presente nell'agenda istituzionale, mentre gravano drammaticamente sulle famiglie, spesso lasciate sole nella cura delle persone disabili. Proprio questo è il problema al centro del progetto della Fondazione Cesare Serono. Nel nostro Paese la percezione sociale della disabilità  rimane lacunosa e distorta. C'è una disabilità  che si vede e una invisibile. La maggioranza degli italiani ha una immagine della disabilità  esclusivamente in termini di limitazione del movimento (62,9%), il 15,9% pensa a una disabilità  intellettiva (il ritardo mentale o la demenza), il 2,9% a una disabilità  sensoriale (sordità  o cecità ), mentre il 18,4% associa il concetto a un deficit plurimo, ossia alla combinazione di due o più disabilità .

Il 68,7% degli intervistati associa la disabilità  motoria negli adulti alle conseguenze di un incidente, il 14,2% la riconduce a una malattia congenita, mentre l'ipotesi di una malattia neurologica viene citata dall'11,1%. Sebbene gli incidenti rappresentino una causa frequente di disabilità , il fatto che solo un italiano su dieci pensa a patologie neurologiche (come la sclerosi multipla, l'ictus o la malattia di Parkinson), che invece hanno un peso rilevante nel determinare la disabilità  nelle fasce d'età  giovanili e adulte, è sintomatico di una percezione riduttiva e deformata.

Resistono i falsi miti e i luoghi comuni. Ma quanto è diffusa tra gli italiani la corretta conoscenza di alcune specifiche forme di disabilità ? L'82,9% del campione afferma di conoscere la sindrome di Down, segue la malattia di Parkinson (66,5%) e la sclerosi multipla (64,9%), mentre il livello più basso di conoscenza si rileva a proposito dell'autismo (noto solo al 59,9% del campione). Ma anche tra chi afferma di sapere di cosa si tratta, le informazioni appaiono generiche e superficiali. E le convinzioni errate sembrano essersi sedimentate, all'interno di una sorta di rumore di fondo informativo, come effetto di una comunicazione mediatica che sul tema è spesso confusa e sensazionalistica.

Tra quanti affermano di conoscere la sindrome di Down, il 55,7% è convinto che nella maggior parte dei casi le persone che ne sono affette muoiano giovani, che non superino i 40 anni di età , mentre in realtà  l'aspettativa di vita media per queste persone è oggi superiore ai 60 anni. E appare molto diffuso il luogo comune, ai limiti del razzismo, secondo il quale le persone Down si assomigliano tutte tra loro, sia esteticamente che come carattere, considerato vero da 2 su 3 (il 66%, e il dato raggiunge il 75,6% tra i soggetti meno scolarizzati e rimane comunque maggioritario anche tra i laureati, che lo ritengono vero nel 60,5% dei casi).

Per quanto riguarda la malattia di Parkinson, il 93,2% di quanti affermano di conoscerla sa che causa una serie di disturbi e difficoltà  del movimento, ma quasi 2 su 3 (il 61%) la confondono con la malattia di Alzheimer, essendo convinti che i primi sintomi del Parkinson siano le perdite di memoria e il disorientamento nel tempo e nello spazio.

Per quanto riguarda la sclerosi multipla, se in effetti l'87,6% di chi afferma di conoscerla sa che è una malattia che colpisce il sistema nervoso centrale, il 62,7% pensa però che le persone che ne sono colpite perdano rapidamente la mobilità  e finiscano presto sulla sedia a rotelle. Il 74,6% ha l'errata convinzione che abbiano un'aspettativa di vita molto inferiore alla media e il 60,7% pensa che con la sclerosi multipla non sia possibile vivere una vita normale.

A proposito dell'autismo, il 90,8% di quanti affermano di conoscerlo crede correttamente che le persone che ne sono affette soffrono di gravi difficoltà  nel comunicare e stabilire relazioni con gli altri, ma è duro a morire il luogo comune circa la presunta genialità  di queste persone nella matematica, nella musica o nell'arte, che è condiviso da quasi 3 su 4 (il 73%).

Ufficio Stampa Censis

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI

Crescita e Invasività Tumorale

Quando una cellula diventa maligna? Una cellula normale prima di diventare una cellula tumorale deve subire numerose trasformazioni. Ogni passaggio richiede una o più mutazioni del DNA. La prima mutazione riguarda modifica i meccanismi di riproduzione cellulare e causa la proliferazione incontrollata della cellula stessa (iniziazione). Ma la cellula viene trasformata in cellula cancerosa (promozione) [...]

Leggi Tutto

Applicazione di criteri morfologici ristretti nella fecondazione in vitro

L'infertilità maschile è generalmente riconosciuta una causa o concausa in circa la metà dei casi di infertilità coniugale. È opportuno che il partner maschile si sottoponga almeno a uno screening accurato principalmente delle caratteristiche del liquido seminale.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.www.fondazioneserono.org/newsletter/ La condizione seminale più frequentemente associata all'infertilità maschile [...]

Leggi Tutto

Diagnosi

Per formulare correttamente una diagnosi di asma è bene partire da una accurata raccolta di informazioni sui sintomi. Fra i principali ci sono: tosse ricorrente, respiro affannoso e corto (dispnea) e sensazione di costrizione al torace. Nei casi in cui i sintomi non sono presenti costantemente, è necessario che il soggetto asmatico prenda nota del [...]

Leggi Tutto