MENU SEZIONE

FONDAZIONE CESARE SERONO

Rigetto di trapianto

In medicina si definisce così il fenomeno per il quale un organo o delle cellule, trapiantati da un soggetto donatore a uno ricevente, vengono “rigettati” dall’organismo del ricevente, per una reazione del sistema immunitario che li riconosce come non-propri. Nelle procedure previste per i trapianti si somministrano trattamenti che avrebbero lo scopo di prevenire tale reazione e, quindi, il rigetto.