Maternità sostitutiva

Definita anche maternità surrogata o, in gergo giornalistico utero in affitto, consiste in una procedura della Procreazione Medicalmente Assistita una donna esterna alla coppia infertile accoglie nel proprio utero un ovocita fecondato con uno spermatozoo della femmina e del maschio di una coppia infertile. In questo caso, la madre “sostitutiva” si definisce madre gestazionale. Un’altra variante della stessa tecnica prevede che della madre sostitutiva si utilizzi un ovocita, fecondato con lo spermatozoo del maschio della coppia infertile. In questo caso essa diventa madre sia gestazionale che genetica. Una terza soluzione può prevedere che anche lo spermatozoo che feconda l’ovocita della madre sostitutiva provenga da un maschio esterno alla coppia. La maternità sostitutiva in Italia è vietata dalla Legge 40/2004 e nei paesi nei quali è eseguita, comporta la gestione di complessi aspetti di tipo morale, psicologico, deontologico e legale.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.