Cladribina

Il meccanismo d’azione della cladribina, farmaco in compresse, consiste in una riduzione del numero dei linfociti che alimentano i processi di infiammazione alla base delle alterazioni del sistema nervoso che sono caratteristiche della sclerosi multipla. Come altri farmaci introdotti di recente nella pratica clinica per la terapia della sclerosi multipla, anche la cladribina viene impiegata pure in altri campi, come l’ematologia, per il trattamento di alcune forme di leucemia. Sulla base dei risultati di numerosi studi, su ampie casistiche, eseguiti dai più importanti centri della sclerosi multipla del mondo, il Comitato per i Prodotti Farmaceutici per Uso Umano ha concluso che il beneficio terapeutico della cladribina consiste nel “ridurre la frequenza delle recidive e nel ritardare la progressione della malattia”. Per questo ha indicato il farmaco proprio nelle forme che si manifestano con un’attività più intensa. Per approfondimenti sul farmaco andare ai link 1 e link 2.

 

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.