Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Tecniche e procedure di procreazione medicalmente assistita che possono aumentare le probabilità d’impianto

Parere degli esperti |time pubblicato il
Tecniche e procedure di procreazione medicalmente assistita che possono aumentare le probabilità d’impianto

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


Le tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) sono procedure che permettono alle coppie infertili di coronare il loro sogno. L’obiettivo primario di ogni Centro è quello di aumentare il successo di tali tecniche. Ogni ciclo prevede un tasso di gravidanza intorno al 32-35%; a tal ragione i medici vengono spinti alla ricerca di protocolli o tecniche nuove per aumentare tale risultato. Ogni tappa di tale processo può essere la chiave di svolta per l’aumento del tasso di gravidanza. Per ragioni poco note sono aumentati i fattori immunologici nelle coppie e tale motivo ha spinto a usare steroidi, infusione di immunoglobuline (IVI) e infusioni di intralipid. Forges et al. nel 2006 hanno dimostrato come basse dosi di prednisolone, associate a basse dosi di aspirina, portino a un aumento del tasso di impianto [1]. In caso di aumento della produzione di natural killer e di ANA+ infusioni di IVI hanno portato a un raddoppio dei tassi. A tal proposito analoga infusione di intralipid ha fatto ottenere dei risultati di poco inferiori; il confronto tra le due terapie però prevede un vantaggio a favore della seconda in quanto i costi e le controindicazioni sono nettamente minori [2].

Il fallimento ripetuto dell’impianto (RIF) si verifica quando vengono trasferiti embrioni che non si riescono a impiantare malgrado diversi cicli di trattamento di fecondazione in vitro [3]. Tuttavia, non esistono criteri uniformi che definiscano il numero di cicli falliti o il numero totale di embrioni trasferiti in questi tentativi di fecondazione in vitro. Di conseguenza diversi Centri di fertilità che praticano la fecondazione in vitro possono utilizzare definizioni diverse per RIF. Considerando il normale tasso di successo di trattamenti di PMA e il numero medio di embrioni trasferiti in ogni ciclo, si pensa di definire RIF come il fallimento d’impianto in almeno tre tentativi consecutivi, con almeno 1-2 embrioni di alta qualità per ciascun ciclo [4]. Il fallimento ripetuto dell’impianto può verificarsi per una serie di motivi includendo la ridotta ricettività endometriale secondaria ad anomalie della cavità uterina, endometrio sottile, variazioni anomale delle espressioni delle molecole di adesione tissutale e anomalie dello sviluppo dell'embrione umano, dovute a una scarsa qualità degli embrioni a causa di un ambiente colturale povero e fattori genetici. Il miglioramento del tasso di gravidanza clinica in questi pazienti è una sfida per i clinici e il miglioramento della ricettività endometriale è essenziale per aumentare il tasso di successo.

Potrebbe interessarti anche…

Lo “scrapping” dell’endometrio nel ciclo precedente al transfer sembra migliorare il tasso di successo. Il procedimento prevede un prelievo con Pipelle ripetuto due volte: una in fase follicolare e una in fase luteale. Tale metodica si basa sul concetto che l’ingiuria endometriale libera massicce dosi di growth factors e di citochine, tali da rendere più ricettivo l’endometrio stesso nel mese successivo. Sia Zhou et al. [5] che Kalma et al. [6] hanno dimostrato che aumenta in modo netto l’espressione di geni necessari alla preparazione dell’endometrio per l’impianto.

Machtinger et al. [7] hanno riferito che transfer embrionari sequenziali possono essere utilizzati per aumentare la ricettività endometriale e migliorare l’outcome gravidico nei pazienti con ripetuti fallimenti. Però l'efficacia di questa procedura è ancora oggetto di dibattito. Loutridis et al. [8] hanno riportato un migliore tasso di gravidanza in pazienti con transfer sequenziali associati allo “scrapping” endometriale nel ciclo precedente. La loro spiegazione per tale miglioramento è l’ingiuria creata all’endometrio, che induce a sua volta la produzione di citochine che migliorano l’impianto. Tuttavia, i risultati di questo approccio dipendono dal numero di ovociti fecondati e dalla qualità degli embrioni fecondati. In uno studio prospettico randomizzato, Ledee-Bataille et al. [9] riferiscono un tasso di impianto simile con embrioni in D3 (3° giorno) rispetto a embrioni in D5 (3° giorno). Inoltre, la cancellazione dell'intero ciclo di trattamento può avvenire a causa del mancato sviluppo degli embrioni allo stadio di blastocisti, con sfavorevoli conseguenze emotive ed economiche. Quindi, il trasferimento sequenziale potrebbe avere il vantaggio di un trasferimento a blastocisti senza esporre l'intero ciclo al rischio di cancellazione. È importante notare che questa tecnica è adatta a pazienti che hanno un numero adeguato di embrioni di buona qualità da trasferire in entrambi i giorni ma non adatto a poor responder.

Anche i protocolli di stimolazione rientrano nelle procedure per aumentare le probabilità di risultato nei cicli di PMA. Si stima che il 5-18% di tutti i cicli di PMA siano complicati dalla scarsa risposta all’iperstimolazione ovarica. Successivamente, queste pazienti hanno scarsi risultati con tassi di gravidanza del 2-4%. Una nuova strategia per il trattamento delle poor responder è quello di somministrare E2 nella fase luteale del ciclo precedente alla stimolazione [10]. L’FSH nella fase luteale del ciclo precedente può selettivamente selezionare i follicoli più grandi e, successivamente, portare a una discrepanza di dimensione nella coorte dei follicoli che stanno maturando. Questa discrepanza nelle dimensioni può causare un minor numero di follicoli sensibili alla stimolazione gonadotropinica. Le poor responder mostrano un miglioramento dei tassi di fertilizzazione e un maggior numero di embrioni quando nella fase luteale precedente viene somministrato 17b-estradiolo 2 mg due volte al giorno per via oralea partire dal 21° giorno e proseguito fino ai primi 3 giorni di stimolazione gonadotropinica [11]. Questo protocollo si basa sul fatto che sopprimendo l’FSH nella fase luteale precedente, può essere evitata la stimolazione follicolare asincrona. Ciò in definitiva può comportare una più grande e più coordinata coorte di follicoli tutti responsivi al processo di stimolazione, portando sia a un miglioramento del recupero follicolare sia a un maggior numero di embrioni ottenuti [12].

Sempre a riguardo di una maggiore risposta follicolare, Fabregues et al. propongono l’uso di patch al testosterone per aumentare la risposta nelle poor responder. È ben noto che gli androgeni sono prodotti dal metabolismo del progesterone e agiscono come substrato essenziale per la produzione di estrogeni. Tuttavia, l'attuale comprensione del ruolo fisiologico degli androgeni nella funzione ovarica implica anche la regolazione paracrina della maturazione e atresia follicolare [13]. Riguardo ai follicoli, gli androgeni hanno dimostrato di esercitare sia un’azione positiva sia una negativa , secondo i modelli sperimentali.

Fabregues somministra una terapia di testosterone durante i 5 giorni precedenti il trattamento di gonadotropina. La terapia con testosterone inizia il giorno in cui la soppressione ipofisi-ovaio è stata confermata; il dosaggio quotidiano transdermico è con un dosaggio nominale di 2,5 mg applicato sulla coscia di notte e rimosso sempre al mattino. Questo sistema di somministrazione transdermica mantiene i livelli di testosterone stabili all'interno di intervalli stretti con poca variazione. La terapia termina il giorno della prima somministrazione di gonadotropine [14]. I risultati dimostrano un aumento della responsività ovarica durante la stimolazione con un maggior recupero ovocitario e una diminuzione dei cicli per mancato recupero.

Una componente fondamentale delle tecniche di riproduzione assistita è la selezione, da una coorte di embrioni, del più competente per il trasferimento. Attualmente viene valutata la morfologia per determinare l'embrione con il più alto potenziale di impianto, anche se purtroppo la selezione basata sulla morfologia ha dei limiti, con oltre il 70% di insuccesso. È probabile che questo fallimento sia dovuto all'assenza di embrioni competenti, ma soprattutto alla nostra incapacità di selezionare precisamente l'embrione più competente. La capacità di selezionare l'embrione più evolutivamente competente dovrebbe migliorare i tassi di gravidanza, consentendo nel contempo il transfer di routine di un singolo embrione. I miglioramenti delle tecnologie e la riduzione dei costi grazie alle tecnologie “omiche”, tra cui genomica e proteomica, hanno permesso l'indagine di nuovi approcci diversi per valutare la morfologia degli embrioni umani [15].

Sarà questa la vera evoluzione?

Alessandro Morelli - Specialista in Ostetricia e Ginecologia, A.B.R.A., Bra (CN)

Bibliografia

  1. Forges T, Monnier-Barbarino P, Guillet-May F, et al. Corticosteroids in patients with antiovarian antibodies undergoing in vitro fertilization: a prospective pilot study. Eur J Clin Pharmacol 2006;62(9):699-705.
  2. Ramos-Medina R, García-Segovia A, Gil J, et al. Experience in IVIg therapy for selected women with recurrent reproductive failure and NK cell expansion. Am J Reprod Immunol 2014;71(5):458-66.
  3. Shufaro Y, Schenker JG. Implantation failure, etiology, diagnosisand treatment. Int J Infertil Fetal Med 2011;2:1-7.
  4. Simon A, Laufer N. Assessment and treatment of repeatedimplantation failure. J Assist Reprod Genet 2012;29:1227-39.
  5. Zhou L, Li R, Wang R, et al. Local injury to the endometrium in controlled ovarian hyperstimulation cycles improves implantation rates. Fertil Steril 2008;89(5):1166-76.
  6. Kalma Y, Granot I, Gnainsky Y, et al. Endometrial biopsy-induced gene modulation: first evidence for the expression of bladder-transmembranal uroplakin Ib in human endometrium. Fertil Steril 2009;91(4):1042-9.
  7. Machtinger R, Dor J, Margolin M, et al. Sequential transfer of day 3 embryos and blastocysts after previous IVF failures despite adequate ovarian response. Reprod Biomed Online 2006;13(3):376,9.
  8. Loutradis D, Drakakis P, Dallianidis K, et al. A double embryo transfer on days 2 and 4 orimproves pregnancy outcome in patients with good embryos butrepeated failures in IVF or ICSI. Clin Exp Obstet Gynecol 2004;31:63,6.
  9. Ledee-Bataille N, Dubanchet S, Coulomb-L’hermine A, et al. A new role for natural killercells, interleukin (IL)-12, and IL-18 in repeated implantationfailure after in vitro fertilization. Fertil Steril 2004;81:59-65.
  10. Fanchin R, Cunha-Filho JS, Schonauer LM. Coordination of early antral follicles by luteal estradiol administration provides a basis for alternative controlled ovarian hyperstimulation regimens. Fertil Steril 2003;79:316-21.
  11. Fanchin R, Mendez Lozano DH, Schonauer LM, et al. Hormonal manipulations in the luteal phase to coordinate subsequent antral follicle growth during ovarian stimulation. Reprod Biomed Online 2005;10:721-8.
  12. Micah J, Hill D.O A luteal estradiol protocol for anticipated poor-responder patients may improve delivery rates Fertil Steril 2009;91:739-43.
  13. Hillier SG, Tetsuka M. Role of androgens in follicle maturation and atresia. Baillieres Clin Obstet Gynaecol 1997;11:249-60.
  14. Fabregues F, Penarrubia J, Creus M, et al. Transdermal testosterone may improve ovarian response to gonadotrophins in low-responder IVF patients. Hum Reprod 2009 ;24(2):349-59.
  15. Katz-Jaffe MG. Diagnostic techniques to improve the assessment of human IVF embryos: genomic and proteomics. In: Sakkas D, et al. (eds). Gamete and Embryo Selection. Springer 2014:15-24.