MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Stimolazione ovarica e vissuti della coppia

Notizia

PUBBLICATO

Stimolazione ovarica e vissuti della coppia

Un articolo di un gruppo di ricercatori portoghesi ha valutato come i cicli di stimolazione ovarica vengono vissuti dalle coppie che si sottopongono a fertilizzazione in vitro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La fertilizzazione in vitro è una tecnica di riproduzione assistita che consiste nel fecondare in laboratorio una cellula uovo, denominata ovocita, con uno spermatozoo. L'embrione ottenuto dalla fecondazione dell'ovocita con lo spermatozoo viene poi impiantato nell'utero della donna.

La stimolazione ovarica è un trattamento che spesso viene effettuato per ottenere ovociti da sottoporre alla fertilizzazione in vitro. Essa consiste nell'assunzione di ormoni che stimolano la maturazione di più follicoli, le piccole sacche presenti nell'ovaio fin dalla nascita all'interno delle quali sono contenute le cellule uovo nei vari stadi di maturazione. Vengono poi prelevati più ovociti contemporaneamente. Questa soluzione ha lo scopo di fecondare in vitro più ovociti e quindi ottenere lo sviluppo di più embrioni o di congelare gli ovociti per una successiva fecondazione.

Gli autori hanno intervistato 15 coppie che si sono sottoposte a fertilizzazione in vitro con stimolazione ormonale. È emerso che la somministrazione degli ormoni era percepita come momento emozionante e l'appoggio e la protezione dell'altro membro della coppia sembravano essere essenziali in questo contesto. Il dolore e le complicazioni associate alla stimolazione ovarica erano accettati come normali e naturali dalle donne.

Pur riferendosi ad una casistica limitata, questo lavoro fornisce un interessante contributo alla valutazione delle implicazioni psicologiche del trattamento della infertilità.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Heterosexual couples' uses and meanings of ovarian stimulation: Relatedness, embodiment and emotions; Health 2011 Nov;15(6):620-32

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI