Sindrome da iperstimolazione ovarica: un evento raro, prevenibile e gestibile

Intervista |
Scritto da:
Fulvio Cappiello
Sindrome da iperstimolazione ovarica: un evento raro, prevenibile e gestibile

Fulvio Cappiello, Medico Specialista in Ostetricia e Ginecologia e Responsabile del Trattamento Medico del Centro della PMA della Clinica Mediterranea di Napoli in questa intervista parla di Sindrome da iperstimolazione ovarica, un evento raro, e, comunque gestibile, che si può verificare nella Procreazione Medicalmente Assistita.

Potrebbe interessarti anche…

La Sindrome da iperstimolazione ovarica, descritta nell’intervista, è un quadro raro che si può verificare nei cicli stimolazione ovarica previsti nella Procreazione medicalmente assistita. Una metanalisi che ha considerate 20 studi eseguiti su un totale di 6088 donne trattate con FSH umano ricombinante ha riportato una frequenza di Sindrome da iperstimolazione ovarica del 2.5% per la forma lieve o moderata e inferiore all’1% (0.8%) per quella grave. Inoltre, ci sono molti approcci che permettono di prevenirne la comparsa, dalla personalizzazione dei protocolli di stimolazione all’attento monitoraggio dei follicoli  e dei livelli ormonali nel sangue, durante l’applicazione dei protocolli stessi.

In conclusione, se da una parte è bene sapere che le soluzioni descritte nell’intervista permettono di ovviare al problema, oggi c’è modo di minimizzare il rischio che esso si presenti.

Redazione Fondazione Serono

Fonte: Individualised gonadotropin dose selection using markers of ovarian reserve for women undergoing in vitro fertilisation plus intracytoplasmic sperm injection (IVF/ICSI); Cochrane Database of Systematic Reviews, 2018;2:CD012693.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.