Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Rischio oncologico e procreazione medicalmente assistita

Parere degli esperti |time pubblicato il
Rischio oncologico e procreazione medicalmente assistita

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


Nel corso degli anni il numero di donne che si sottopone a terapie di stimolazione ovarica per le tecniche di riproduzione assistita aumenta considerevolmente.

Spesso quando si parla di terapie ormonali le donne vanno incontro ad ansia e timori sui possibili effetti che queste potrebbero avere sulla loro salute, tra cui il rischio di sviluppare una patologia tumorale. Uno dei vari motivi che determina preoccupazione è che queste cure vengono ancora spesso definite erroneamente “bombardamenti ormonali”, terminologia che poteva essere associata ai primi anni di sviluppo della procreazione medicalmente assistita (PMA), ma oggi dopo più di trent’anni le terapie impiegate per la stimolazione ormonale sono personalizzate.

Potrebbe interessarti anche…

Sebbene l’infertilità, di per sé, sia un fattore di rischio per alcuni tumori femminili, come il cancro di mammella, endometrio e ovaio, molti studi non hanno dimostrato un significativo rischio di sviluppare questi tumori a seguito dell’utilizzo di terapie per la fertilità e i dati a disposizione sono rassicuranti.

In particolare per quanto riguarda il tumore al seno (il più diffuso tumore femminile) non c’è alcun rischio aumentato dalla fecondazione in vitro: la probabilità che la donna possa ammalarsi resta identica a quella del resto della popolazione.

Come viene riportato da un importante studio condotto nel 2013 da un gruppo di ricercatori israeliani e statunitensi, i dati ottenuti escludono il rischio oncologico di cui sarebbe responsabile l’eccesso di ormoni (estrogeni e progesterone) che si genera nell'induzione dell'ovulazione e che potrebbe contribuire all’insorgenza di alcuni tumori al seno, all’ovaio e all’utero.

Tuttavia alle pazienti con più di 35 anni che si rivolgono alla PMA viene consigliato di effettuare una mammografia e/o un’ecografia mammaria prima di intraprendere il trattamento, poiché i rischi oncologici ormono-dipendenti aumentano non tanto con una stimolazione acuta effettuata con i farmaci, quanto con la stimolazione ormonale continua e naturale della gravidanza in sé.

Per quanto concerne il tumore dell’ovaio è al sesto posto fra i tumori delle donne per frequenza, ma è gravato da una elevata mortalità. Sono stati individuati molti fattori che hanno un ruolo predominante nell’aumentata incidenza del tumore ovarico: predisposizione genetica, età del menarca e della menopausa, gravidanza e allattamento, uso di contraccettivi orali e la parità. Il rischio di sviluppare il tumore ovarico è risultato aumentare in seguito all’impiego del citrato di clomifene (se utilizzato per più di 12 cicli), mentre non è mai stata dimostrata alcuna associazione con le gonadotropine, che sono i farmaci che oggi si utilizzano nella maggioranza dei casi. Infine, in relazione al tumore dell’endometrio diversi studi non hanno evidenziato alcuna associazione con farmaci impiegati in un trattamento di PMA.

In conclusione, si può affermare, secondo i dati emersi negli ultimi decenni, che il rischio oncologico non aumenta in relazione all’assunzione di farmaci per la stimolazione ovarica, come viene confermato da Saundra Buys, oncologa dell’Huntsman Cancer Institute dello Utah: “Oggi sappiamo che, almeno fino a due decenni dopo il trattamento, non c’è alcuna evidenza che provi un aumentato rischio di ammalarsi di tumore al seno, per le donne che si sono sottoposte alla fecondazione in vitro”.

Dr. Maurizio Sodano - C.M.R. Centro Medicina Riproduttiva e Procreazione Assistita, Torino

Bibliografia di riferimento

  • Brinton LA, Trabert B, Shalev V, et al. In vitro fertilization and risk of breast and gynecologic cancers: a retrospective cohort study within the Israeli Maccabi Healthcare Services. Fertil Steril 2013;99(5):1189-96.
  • Kroener L, Dumesic D, Al-Safi Z. Use of fertility medications and cancer risk: a review and update. Curr Opin Obstet Gynecol 2017;29(4):195-201.
  • Reigstad MM, Storeng R, Myklebust TÅ, et al. Cancer risk in women treated with fertility drugs according to parity status – a registry-based cohort study. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2017;26(6):953-62.
  • van den Belt-Dusebout AW, Spaan M, Lambalk CB, et al. Ovarian stimulation for in vitro fertilization and long-term risk of breast cancer. JAMA 2016;316(3):300-12.