Record negativo delle nascite sotto 400.000, a Bologna simposio sulla fecondazione assistita

Comunicato Stampa |
Scritto da:
9 Punto Baby
Record negativo delle nascite sotto 400.000, a Bologna simposio sulla fecondazione assistita

“Secondo l’Istat, in base ai dati del primo semestre 2022, nel nostro Paese nasceranno circa 380.000 bambini nel corso di tutto l’anno. Questo dato, che ancora una volta si piazza al di sotto delle 400.000 nascite, dovrebbe essere sufficiente a stimolare il dibattito e la ricerca in merito alle possibili strade per invertire il trend. Per questo, ogni anno siamo felici di organizzare un momento di incontro che permette ai professionisti del mondo dell’infertilità di confrontarsi e crescere, per offrire alle coppie infertili opportunità sempre maggiori di diventare genitori”. Lo afferma Andrea Borini, direttore di 9.baby, network di centri specializzati in Medicina della Riproduzione, oggi parte del gruppo GeneraLife, che presiederà il 9.baby GeneraLife Symposium annuale, arrivato alla 22esima edizione e in programma a Bologna dal 22 al 24 settembre.

Il laboratorio di PMA, dove lavorano gli embriologi, sempre più cuore pulsante del trattamento della coppia infertile, è al centro del programma dell’evento, in particolare tramite approfondimenti sull’automazione, l’intelligenza artificiale applicata alla procreazione medicalmente fecondazione assistita, le tecniche di coltura embrionale e l’embrione non evolutivo. Alla diagnosi pre impianto, tecnica che consente di indagare sul corredo cromosomico degli embrioni frutto di un trattamento di fecondazione assistita, è dedicata una intera sessione: “Le coppie avviano la ricerca di un bimbo sempre più tardi, ma sappiamo bene quanto questo impatti negativamente sulle opportunità di gravidanza. La diagnosi reimpianto riduce il cosiddetto ‘time to pregnancy’, evitando transfer di embrioni che non avrebbero possibilità di dare il via ad una gravidanza, per questo riteniamo importante studiare sempre più approfonditamente questa tecnica”, aggiunge Borini.

Potrebbe interessarti anche…

Nel laboratorio di fecondazione assistita è possibile osservare quello che in natura avviene nel corpo femminile: l’incontro tra gameti maschili e femminili e la conseguente ‘fecondazione’. Questo primo ‘step’ dello sviluppo embrionale non sempre avviene con esito positivo, sia in natura, sia in laboratorio: perché? Cosa si ‘inceppa’ e quando? Possiamo desumere il futuro percorso dell’embrione da quello che è accaduto nel momento in cui l’ovocita è stato fecondato dallo spermatozoo? Queste le domande alle quali il gruppo cerca di dare risposta con gli studi scientifici che porta avanti in 30 anni di attività.
Tra i temi del congresso anche linee guida e buone pratiche da seguire nella gestione della coppia infertile; si parlerà dell’impianto embrionale e di potenziali tecniche facilitanti ’impianto stesso, ma anche del fattore maschile, non sempre al centro del discorso sulla PMA. Ancora, si discuteranno le tendenze attuali nelle scelte di trattamento e nei protocolli di stimolazione ovarica; un clinico e un chirurgo della riproduzione ci offriranno uno sguardo differente sul management dell’endometriosi, patologia molto diffusa, che solo in Italia riguarda 3 milioni di donne e che frequentemente ha un impatto sulle possibilità riproduttive di chi ne soffre e che a volte è necessario trattare chirurgicamente.

Infine, una sessione sarà dedicata ai risultati dei trattamenti di PMA: definire i termini e i criteri per valutare il successo dei trattamenti è importante anche per dare ai pazienti uno strumento di valutazione dei vari centri.

Il programma del convegno

Comunicato Stampa 9.Baby

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.