MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Pubblicate le Linee Guida sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico

Notizia

PUBBLICATO

Pubblicate le Linee Guida sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico

La Società Americana degli Endocrinologi Clinici ha pubblicato delle Linee Guida sulla Sindrome dell’Ovaio Policistico definita, nel documento, come la malattia del sistema endocrino più frequente, in tutto il mondo, nelle donne in età fertile. Le indicazioni contenute nella pubblicazione riguardano tutti gli aspetti della malattia, dalla diagnosi alle cure.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Le Linee Guida ricordano come, per lungo tempo, ci siano stati diversi criteri per la diagnosi della Sindrome dell’Ovaio Policistico, mentre ora, sull’argomento, c’è un accordo generale. La presenza della malattia è confermata se ci sono almeno due fra le tre seguenti alterazioni: mancanza protratta di un’ovulazione regolare, aumento della concentrazione di ormoni androgeni e presenza di numerose cisti, cioè piccole cavità, delle ovaie. Se alla diagnosi può contribuire anche la raccolta di una dettagliata storia clinica del soggetto, sono esami strumentali, come l’ecografia, ad avere un ruolo decisivo. Nel documento si segnala che le apparecchiature più moderne permettono di individuare cisti, anche molto piccole, e di misurare il volume totale delle ovaie, considerando 10 ml come il limite oltre il quale la loro dimensione è considerata aumentata. Fra gli ormoni da misurare nel sangue, si suggerisce anche l’ormone anti-Mulleriano. Si raccomanda di curare tutte le alterazioni provocate dalla Sindrome dell’Ovaio Policistico, dalle irregolarità delle mestruazioni all’irsutismo, alla perdita di capelli e all’acne. Le alterazioni della funzione delle ovaie meritano particolare attenzione, in quanto aumentano il rischio di danni e tumori a carico dell’endometrio. Anche i segni della malattia che creano problemi estetici non sono da sottovalutare perché possono avere pesanti ripercussioni psicologiche a tutte le età. Fra i farmaci proposti per la cura della Sindrome dell’Ovaio Policistico, un ruolo centrale hanno gli anticoncezionali orali, ai quali si possono associare altri prodotti mirati a controllare meglio i sintomi.

Tommaso Sacco

Fonte: American Association of Clinical Endocrinologists, American College of Endocrinology, and androgen excess and PCOS Society disease state clinical review: guide to the best practices in the evaluation and treatment of polycystic ovary syndrome - part 1; Endocrine Practice, 2015 Nov;21(11):1291-300.

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI