Personalizzare la cura dell’infertilità: una chiave per il successo

Intervista |
Personalizzare la cura dell’infertilità: una chiave per il successo

Personalizzare la terapia dell’infertilità per ottimizzare i suoi risultati: ne parla Claudio Castello, Medico Specialista in Ostetricia e Ginecologia e Responsabile del Centro FIVET dell’ASL Città di Torino, in un’intervista nella quale spiega anche i criteri in base ai quali si possono individualizzare le cure.

Potrebbe interessarti anche…

Il principio dal quale parte l’intervistato è molto semplice: ogni essere umano è diverso dall’altro e, quindi, anche ciascuna donna con problemi di infertilità è diversa dall’altra. Numerose sono le caratteristiche che definiscono il profilo di infertilità della coppia e, nello specifico, della donna, se il mancato concepimento è conseguenza, del tutto o in parte, di un fattore femminile. Inoltre, una variabilità individuale condiziona anche la risposta alla stimolazione ovarica, spiega Claudio Castello, che poi descrive i criteri in base ai quali va individualizzato il trattamento. Il primo, molto importante, è l’età. Poi ci sono aspetti relativi al metabolismo, dall’insulino-resistenza al sovrappeso. Se è presente la Sindrome dell’ovaio policistico si rendono necessari approcci specifici, che Claudio Castello ha descritto in un’altra intervista. Per impostare al meglio il protocollo di stimolazione ovarica personalizzato è necessario raccogliere varie informazioni. È importante sapere se la donna in precedenza è stata sottoposta ad altri cicli e, se lo è stata, come sono stati eseguiti e che esiti hanno avuto. Un fattore da esplorare, in quanto condiziona l’approccio terapeutico, è la riserva ovarica, che si definisce misurando la concentrazione nel sangue dell’ormone anti-mulleriano e valutando, con l’ecografia, i follicoli ovarici con diametro inferiore a 10 mm.

Personalizzare la stimolazione ovarica è oggi considerato il modo migliore per ottimizzare i risultati della PMA, nei protocolli di cura che prevedono tale approccio. Nell’intervista si spiega a quali caratteristiche della donna fare riferimento per individualizzare la terapia.

Video: Marco Marcotulli

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.