Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Il futuro dell’ICSI

Notizia |time pubblicato il
Il futuro dell’ICSI

Anche se sembra che la procreazione medicalmente assistita sia indietro dal punto di vista tecnologico, non è proprio così. Questo è ciò che ci ha detto la Dott.ssa Laura Sosa Fernandez del Centro Embryos in un’intervista alla Fondazione Cesare Serono sul futuro dell’ICSI (Iniezione intra-citoplasmatica dello spermatozoo).

Potrebbe interessarti anche…

“Abbiamo avuto un boom nei primi anni ‘90 con l’introduzione dell’ICSI che ci ha consentito di superare alcune barriere che la fecondazione in vitro convenzionale non riusciva ad oltrepassare: quella del severo fattore maschile o azoospermico. Con la ICSI invece siamo riusciti a dare bambini in braccio a coppie con questo tipo di diagnosi”, ci racconta la Dott.ssa Sosa Fernandez.

“L’ICSI è arrivata ad oggi ad un punto che sembra di stallo. Ma stiamo cercando di affinare questa tecnica e ottimizzarla. La ICSI nel mondo ci fa avere altissimi tassi di fertilizzazione, ma l’obiettivo finale è di arrivare al 100%. Quindi dobbiamo riempire quella fetta di 20-30% di mancata fertilizzazione che ancora non riusciamo ad avere in vitro”, continua la dottoressa.

“La ICSI sta andando incontro a tutta una serie di migliorie per cercare di ottimizzarla” aggiunge la Dott.ssa Sosa Fernandez, “come per esempio la ICSI piezo-elettrica, microfluidica o il laboratorio costruito su un chip. Perché mantenere la ICSI viva? Perché è una tecnica che funziona quindi bisogna ottimizzarla fino a stressarla al massimo perché non dobbiamo perdere l’esperienza che abbiamo acquisito fino ad oggi”.

Il futuro dell’ICSI: a che punto siamo? “Questo futuro può essere non troppo lontano, come può essere lontanissimo, dipende da cosa intendiamo. Nel momento in cui andiamo a valutare una piccola miglioria anche a livello tecnologico può essere anche un futuro prossimo, basta individuare l’obiettivo finale, validarlo, standardizzarlo, e fare studi clinici di elevato livello scientifico che possano farci stare tranquilli nell’utilizzare queste tecniche nei nostri laboratori” conclude.

Simon Basten
Video Marco Marcotulli