Il dolore ai testicoli: cause e cure

Parere degli esperti |
Fact checked
Il dolore ai testicoli: cause e cure

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


È bene evidenziare subito che un dolore ai testicoli, specie se intenso e persistente, dovrebbe sempre essere portato all’attenzione del medico. Si tratta infatti di un sintomo spesso determinato da condizioni patologiche locali, talvolta serie, per le quali una diagnosi tempestiva può essere determinante.

La torsione del funicolo spermatico

Nella classificazione delle cause di dolore ai testicoli va citata per prima, per la gravità dei sintomi e delle possibili conseguenze, la torsione del funicolo spermatico. Si tratta di un evento acuto, caratterizzato da una rotazione completa del testicolo intorno al proprio asse, con conseguente strozzamento dei vasi sanguigni. Questo tipo di evento, fortunatamente non molto frequente, si verifica improvvisamente e senza una causa apparente, ma è in realtà la conseguenza di una mancanza congenita del legamento di ancoraggio del testicolo ai tessuti che lo rivestono.

Potrebbe interessarti anche…

Lo strozzamento del funicolo spermatico blocca l’afflusso arterioso all’organo e impedisce lo scarico venoso, determinando una grave sofferenza delle delicate strutture testicolari. Il problema va affrontato con urgenza, perché dopo 6-8 ore dall’esordio della torsione i danni ischemici sono irreversibili e conducono alla progressiva atrofia dell’organo. Il sospetto di torsione, suggerito da un dolore molto intenso e da un testicolo che appare risalito nella sacca scrotale, deve indurre a consultare rapidamente una struttura medica di emergenza.

Le infiammazioni del testicolo: le orchiti

Esistono altre cause di dolore acuto ai testicoli, più frequenti e meno rischiose in termini di conseguenze, legate a infiammazioni e denominate orchiti ed epididimiti. Le orchiti sono infiammazioni del testicolo caratterizzate da dolore protratto, aumento di volume dell’organo e spesso febbre. Sono legate a infezioni, per lo più provenienti per propagazione dalla vescica (orchiti batteriche), oppure dal torrente sanguigno, come nel caso dell’orchite da virus della parotite. Questo tipo di orchite virale, particolarmente temibile in quanto spesso responsabile di gravi danni al testicolo con esiti di infertilità, colpisce molto spesso i soggetti che contraggono la parotite dopo la pubertà.

Le infiammazioni del testicolo: le epididimiti

Le epididimiti sono processi infiammatori per lo più causati da infezioni batteriche a partenza dalla vescica e alla prostata, anch’essi molto dolorosi e caratterizzati da un tipico gonfiore con indurimento a ridosso del testicolo. In questo caso l’infezione ha colpito l’epididimo, una struttura esterna al testicolo che contiene i condottini di trasporto degli spermatozoi, ed è facilmente curabile con una adeguata terapia antibiotica.

Le nevralgie

Non sempre però il dolore testicolare segnala una patologia rilevante. Talvolta il dolore è in realtà l’irradiazione di una nevralgia che interessa i nervi della sensibilità testicolare. In questi casi, talvolta legati a semplici fattori posturali, il medico non rileverà alcun elemento di sospetto a carico del testicolo durante l’esame obiettivo e l’ecodoppler testicolare, e si limiterà a rassicurare il paziente o, in alcuni casi, a prescrivere un farmaco antinfiammatorio.

Il varicocele

Un cenno in chiusura va riservato al varicocele ossia alla condizione di dilatazione varicosa delle vene spermatiche, che, in quanto molto frequente nella popolazione maschile, è spesso chiamata in causa di fronte a sintomi di dolore testicolare. Va tuttavia precisato che il varicocele è una condizione generalmente priva di sintomi, e che il dolore può comparire, in casi sporadici, quando il grado di dilatazione è avanzato e la stasi venosa determina tensione e senso di peso allo scroto.

Conclusioni

È evidente, in conclusione, come la diagnosi di causa, di fronte a sintomi da dolore testicolare, sia indispensabile ai fini di un corretto programma di terapia e della valutazione di eventuali condizioni di urgenza. Tale diagnosi deve essere tempestiva e richiede un esame obiettivo, un ecodoppler scrotale ed eventuali esami di laboratorio. Si richiama ancora una volta all’importanza della visita medica immediata in caso di dolore testicolare acuto.

Bibliografia di riferimento Paick S, Choi WS. Varicocele and testicular pain: a review. World J Mens Health 2019;37(1):4-11.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.